Elezioni, Direzione Italia: “Troppo caos, serve più competenza per presidenti e scrutatori”

/ Autore:

Elezioni Amministrative 2017, Politica


Dopo la tormentata settimana post primo turno elettorale che si sta per concludere Direzione Italia interviene sui casi di Martina Franca e Taranto. Di seguito nota dell’Ing. Francesca Colaninno (Vice Coordinatrice Provinciale DIT):

A quasi una settimana dal voto amministrativo, a Taranto non si hanno ancora i dati definitivi relativi alle preferenze. Sul sito del comune appaiono dati provvisori (come è anche indicato nell’apposito disclaimer). Ma non è solo questo il problema. Ci risulta che lo spoglio delle schede abbia registrato molte anomalie e interpretazioni del voto non conformi alla normativa. Ciò per l’insieme di una serie di circostanze; sicuramente la novità del doppio voto di genere, la presenza di ben 37 liste, il voto disgiunto, e la scelta di effettuare lo scrutinio senza soluzione di continuità, hanno pesato sulla qualità del lavoro svolto.

Ma, ancora, molto è dipeso anche da una informazione insufficiente nei confronti degli elettori e da una inadeguata formazione dei presidenti e degli scrutatori. Il caso di Martina Franca docet. Quanto accaduto nella capitale della Valle d’Itria, si è ripetuto in più seggi del capoluogo, anche se non sono emersi con lo stesso clamore i tanti errori commessi. Non è accettabile che nel 2017 ciò accada. Non è accettabile per il danno arrecato ai candidati e alle liste ma, soprattutto, per la perdita di credibilità che è sicuramente una delle cause che allontana i cittadini dalle urne. Il voto è la massima espressione della realizzazione di una democrazia compiuta. Il rischio, a causa anche delle lungaggini procedurali con cui si sviluppano i ricorsi, che non mancheranno di certo, è quello di insediare un consiglio comunale che potrebbe nel tempo essere modificato nella sua composizione.

Per il futuro occorre rivedere i criteri di selezione e formazione dei presidenti di seggio e degli scrutatori. Criteri che devono privilegiare la competenza; basta con sorteggi o, peggio, indicazioni politiche.

 

 


commenti

E tu cosa ne pensi?