Bilancio: la proposta dei sindacati di Martina Franca. Si tutelino di più i bambini e gli anziani

I sindacati Cgil e Cisl esprimono le proprie valutazioni riguardo la proposta di bilancio preventivo presentato loro il 7 agosto dall’assessore al bilancio Lorenzo Basile. In particolare, a parte la preoccupazione espressa per i fondi che lo Stato continua a tagliare, la loro attenzione si sofferma in particolare sulle fasce più deboli, bambini e anziani.

Per i primi i sindacati chiedono che gli asili restino aperti fino alle 20:oo, mantenendo quello standard qualitativo che finora ha caratterizzato il servizio. Probabilmente, infatti, da settembre il Comune non potrà più permettersi di mantenere aperti gli istituti di sera.

Per gli anziani si chiede maggiore attenzione al problema, articolando la proposta in modo da dare una risposta migliore rispetto alla domanda sociale. La questione “anziani” emerge con forza anche dalla relazione d’ambito realizzata per il Piano Sociale di Zona: la quota di popolazione che supera i 65 anni di età si ingrossa sempre più. Per questo motivo i sindacati chiedono che l’assistenza del Comune non si fermi al Centro Polivalente o all’Assistenza Domiciliare Integrata, ma che preveda anche, magari, l’apertura di comunità per l’accoglienza di pazienti Alzheimer e anche di centri diurni dislocati nei quartieri.

Il documento, che potete leggere qui integralmente, pone l’accento sul problema del “caro affitti” e sui fondi che il Governo ha deciso di tagliare, stimolando l’amministrazione affinchè si faccia carico di una risoluzione.

In sintesi le proposte fatte per le tariffe:

Imu:

  • Prima casa: aliquota minima e introduzione di agevolazioni per le fasce deboli
  • Case in affitto a cooperative o a canone concordato: tariffe minime
  • Seconde case, sfitte o meno: incremento dell’aliquota minima
  • Immobili destinati al commercio o all’industria: tariffe agevolate

Irpef:

  • Esenzione per i redditi bassi, inferiori a 12.000 euro, perchè il Comune di Martina Franca ha introdotto, nel 2007, l’aliquota più alta senza, contemporaneamente, introdurre agevolazioni per le fasce sociali più in difficoltà (come ha fatto la maggioranza dei Comuni)

Tariffe comunali:

  • Congelamento delle tariffe comunali per i servizi educativi, scolastici e socio assistenziali a domanda individuale

Tarsu:

  • Soluzione delle problematiche intervenute nel corso degli anni a partire dal 2006, allorquando debiti fuori bilancio, causati da sentenze passate in giudicato, furono oggetto di imposizione retroattiva della tarsu, determinando una situazione di gravissima lesione dei diritti del contribuente e una sostanziale condizione di disparità tra coloro che, impugnando gli avvisi di pagamento davanti alla Commissione tributaria , ne ottenevano l’annullamento e coloro che non potendo presentare ricorso, perché i costi risultavano troppo alti, hanno dovuto pagare, subendo un trattamento al limite della persecuzione da parte della Concessionaria, che, anche su cifre molto basse attivava il fermo amministrativo di auto, ecc.
  • Potenziamento della raccolta differenziata, attestatasi a Martina attorno al 4%, quantità molto inferiore a quel 65% definito per il 2012 da normativa comunitaria e nazionale, anche al fine di eliminare l’obbligo per  il comune del pagamento  di un’ecotassa, particolarmente esosa.
  • Congelamento delle tariffe e introduzione della TIA, perché finalmente si realizzi il dettato secondo cui ognuno paga per la quantità di rifiuti che produce, lotta all’evasione.

Altre due urgenze individuano i sindacati. La prima è la questione del depuratore in Valle d’Itria, una questione che sta diventando annosa, ormai, ma che la mancata risoluzione mette a rischio il patrimonio paesaggistico e ambientale del nostro territorio.

La seconda, importante, urgenza, è la lotta all’evasione: i sindacati chiedono che il Comune partecipi con le altre autorità al controllo del territorio per quanto riguarda il mancato pagamento delle tasse e che il 50% degli introiti vengano utilizzati per potenziare i servizi sociosanitari.

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Una risposta a “Bilancio: la proposta dei sindacati di Martina Franca. Si tutelino di più i bambini e gli anziani”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.