Il Comune di Martina Franca affida a professionista esterno la ristrutturazione di un villino confiscato alla mafia

Il Comune di Martina Franca, nell’obiettivo di perseguire il miglioramento della sicurezza urbana e legalità, ha redatto uno studio di fattibilità relativo ai “Lavori per la ristrutturazione di un villino bifamiliare confiscato alla mafia da adibire ad uso sociale” in località San Paolo, richiedendone il finanziamento nell’ambito dei fondi “PON – Sicurezza per lo sviluppo – Obiettivo Convergenza 2007-2013”,  che con Decreto dell’Autorità di Gestione del Programma Operativo Nazionale è stato ammesso formalmente al finanziamento del progetto con importo complessivo di € 320.000,00;

L’immobile è stato confiscato nel 2008, ma l’iter progettuale è partito nel 2011 e la fase dell’istruttoria è stata conclusa, da parte della Prefettura di Bari, solo il 5 luglio scorso grazie all’intervento dell’assessore ai Lavori Pubblici, Franco Convertini.

Il progetto prevede come destinazione d’uso del villino un centro socio-educativo diurno per minori a rischio.

Ora, dopo la comunicazione formale di ammissione al finanziamento da parte del Ministero dell’Interno, è stato affidato l’incarico della progettazione e direzione lavori, ai sensi dell’art. 90, comma 6 del D.Lgs. 163/2006, a un progettista esterno: “Le amministrazioni aggiudicatici possono affidare la redazione del progetto preliminare, definitivo, ed esecutivo, nonché lo svolgimento di attività tecnico-amministrative connesse alla progettazione, ai soggetti di cui al comma 1, lettere d), e),f), fbis) g) e h), in caso di carenza di organico di personale tecnico, ovvero di difficoltà di rispettare i tempi della programmazione dei lavori o di svolgere le funzioni istituto, casi che devono essere accertati e certificati dal responsabile del procedimento”.

L’amministrazione comunale di Martina Franca ha affidato al Dott. Arch. Martino Montanaro, che ha offerto un ribasso pari al 3% sull’importo complessivo (€ 37.000,00, IVA ed incombenti di legge compresi), previsto nel quadro finanziario dell’opera nelle attività propedeutiche alla realizzazione, l’incarico per la progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, nonché per la direzione, misura, contabilità e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione per un importo, omnicomprensivo di spese varie, CAP e IVA come per legge, pari ad € 35.890,00.

I tempi sono stabiliti dalla Disciplinare di affidamento, stabilita tra il Dott. Ing. Giuseppe MANDINA, in qualità di Dirigente della Settore Lavori Pubblici – Patrimonio del Comune di Martina Franca e il Dott. Arch. Martino MONTANARO, in questo modo:

giorni 15 (quindici), naturali successivi e continui, a decorrere dalla stipula della presente convenzione per il progetto preliminare;

giorni 15 (quindici), naturali successivi e continui, a decorrere dalla comunicazione di avvenuta approvazione del progetto preliminare, per il progetto definitivo;

giorni 30 (trenta), naturali successivi e continui, a decorrere dalla comunicazione di avvenuta approvazione del progetto definitivo, per il progetto esecutivo.

Per ogni giorno di ritardo sarà applicata una penale pari a €/giorno 50,00= da trattenere direttamente in sede di pagamento del corrispettivo e, comunque complessivamente non potrà essere superata, per la penale in parola, la somma di € 2.000,00.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

2 risposte a “Il Comune di Martina Franca affida a professionista esterno la ristrutturazione di un villino confiscato alla mafia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.