Io sono ancora qua. E già…

/ Autore:

Società



Lui è ancora lì, a imperituro monito dell’estate che non si decide a passare, adagiato lussuriosamente in un groviglio di rami e di cartacce. E’ lì, immobile, guarda chi passa offrendo il suo refrigerio, offrendo l’accoglienza fresca che solo lui sa dare.

Ne abbiamo parlato qualche giorno fa, sperando che qualcuno cogliesse la sottile ironia di un frigo che è rimasto lì per tutta l’estate, da luglio in poi, senza che non sia intervenuto nessuno. Il frigo è stato segnalato su Decoro Urbano, la piattaforma che permette ai cittadini di comunicare in tempo reale con l’Amministrazione per i rifiuti abbandonati, la cartellonistica difettosa, le buche, piccole cose, ma fastidiose.

Il frigo è ancora lì, vicino a cassonetti sporchi e un tappeto di cartacce e di rifiuti. Ci chiediamo a questo punto di chi sia la responsabilità, probabilmente della Tradeco, che ogni giorno da vent’anni raccoglie i nostri rifiuti e che usufruisce di proroghe, o dell’Amministrazione che non fa pressione perchè le strade risultino pulite.

I primi a doverne pagare le spese sono i cittadini che abbandonano i rifiuti speciali per strada, affaticandosi a caricare in auto elettrodomestici pesanti, quando basterebbe chiamare lo 080 4801372 e prendere un appuntamento perchè gli operatori vengano direttamente a casa a ritirare il rifiuto.

E invece no, di frigoriferi, di televisori, di divani, di interi arredamenti, ne sono piene le nostre campagne, nonostante segnalazioni, nonostante siano così in evidenza che scrivere un articolo su questo argomento è un po’ come sparare sulla Croce Rossa.


commenti

2 Commenti

E tu cosa ne pensi?


Commenti

  • Antonio ha detto:

    QUESTO DIPENDE DALLA MANCANZA DI INFORMAZIONE…. BASTEREBBE FARE UN PO’ DI PUBBLICITA’ … DIRE CHE E’ GRATIS… E VEDRETE CHE DI QUESTE COSE NON SE NE VEDREBBERO PIU’…

  • Antonio ha detto:

    QUESTO DIPENDE DALLA MANCANZA DI INFORMAZIONE…. BASTEREBBE FARE UN PO’ DI PUBBLICITA’ … DIRE CHE E’ GRATIS… E VEDRETE CHE DI QUESTE COSE NON SE NE VEDREBBERO PIU’…