Stipendi d'oro: chieste 35 condanne

Accade a Taranto: il pm Ida Perrone ha chiesto la condanna di dirigenti e funzionari che, attraverso il meccanismo di premi produttività e di incentivi, sono riusciti a decuplicarsi gli stipendi. In pochi anni, tutto questo durante la giunta Di Bello, sono stati sottratti alle casse del capoluogo ionico ben 6 milioni e settecentomila euro.

Scrive la Gazzetta: “Secondo l’accusa, gli indagati avrebbero beneficiato di indennità aggiuntive che non potevano essere liquidate perchè si trattava di lavori di routine che rientravano nei compiti ordinari. La presunta truffa è stata stimata in circa 6 milioni e 700mila euro. Alcuni dei funzionari coinvolti furono arrestati nel luglio del 2006. Il pm ha chiesto 7 anni di reclusione anche per Luigi Lubelli, ex dirigente del Settore Risorse finanziarie.”

Questa storia ce ne ricorda un’altra, che tocca i cittadini martinesi da vicino. Chi ricorda quale?

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Una replica a “Stipendi d'oro: chieste 35 condanne”

  1. Avatar Antonio
    Antonio

    e noi dobbiamo pagare le tasse per cosa????????!!!! per arricchire le vostre tasche!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.