Pino Fedele è il nuovo coordinatore di Sel. L'antipolitica va combattuta con la buona politica

/ Autore:

Politica


Il circolo di Sinistra Ecologia e Libertà di Martina Franca ha eletto, questa sera, Pino Fedele come nuovo coordinatore cittadino.

All’incontro erano presenti, oltre a Donatella Infante e Pino Fedele,  il sindaco Franco Ancona, il consigliere regionale di Sel Alfredo Cervellera e la segretaria provinciale di Sel Donatella Duranti.

Presenti alcuni degli esponenti del centro-sinistra martinese: Pasquale Lasorsa (IDV), Nunzia Convertini (PD), Franco Massafra (Fds) e i consiglieri comunali: Aldo Leggieri e Gianfranco Palmisano.

Donatella Infante, coordinatrice uscente e assessore ai Servizi Sociali, prima di lasciare la parola ai tanti ospiti, ha voluto tessere le lodi del suo successore non solo sottolineando la sua abnegazione come militante, ma confermando soprattutto lo spessore umano. Un uomo che, insieme ai tesserati, dovrà confermare i numeri raggiunti dalla sua predecessore puntando, così come afferma Donatella Infante, non sulla quantità di tessere raggiunte, retaggio di una politica vecchia e lontana dal contesto attuale, bensì sulla qualità di una politica, pulita e trasparente, che deve avvicinarsi ai cittadini puntando a far diventare la Democrazia partecipata il proprio cavallo di battaglia.

Il sindaco Franco Ancona, con un’attenta analisi del contesto internazionale, ha dichiarato che ogni movimento, per non veder fallire il proprio processo politico, deve avere una guida attenta e capace di ascoltare e coinvolgere i cittadini. “In un contesto difficile come questo – afferma il Sindaco – dove l’antipolitica fa da padrone, organizzare una riunione di partito è un atto di coraggio“.

Anche Giuseppe Cervellera, consigliere comunale e vice presidente del Consiglio, pone l’accento sulla buona politica come unica azione utile per contrastare il sentimento antipolitico crescente. Una buona politica attenta all’ecologia, al welfare, alla legalità è una politica che pone al centro del suo agire il bene comune.

Ma cos’è l’antipolitca?  Un modo di vivere passivamente la politica subendo con disinteresse le scelte di un’amministrazione pubblica, una giustificazione per allontanare ciò che è diventato troppo difficile da capire o è un modo alternativo di fare politica?

Aristotele diceva che “chi afferma l’inutilità della filosofia la può sostenere solo argomentando filosoficamente“,  così si può dire che colui che si proclama contrario alla politica necessariamente fa politica, anche senza volerlo. La politica è ineliminabile dalla vita dell’uomo e per questo, come dichiarato da quasi tutti gli intervenuti, è importante che i partiti si riavvicinino ai cittadini.

Il forum organizzato qualche giorno fa dall’amministrazione Ancona è un primo passo, ma è l’inizio di un difficile cammino che, in ogni caso, vale la pena di tentare.

Pino Fedele dovrà essere l’intermediario naturale di questo processo, il suo è un ruolo fondamentale e Sel, che eleggerà nei prossimi giorni il direttivo, dovrà farsi portavoce del cittadino cercando il più possibile di ridurre le distanze.

Il nuovo circolo di Sel aprirà, sempre nei prossimi giorni, una nuova sede situata in via Bellini.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?