Fiom Taranto e l'ipotesi di piattaforma : "Un'altra Ilva è possibile"

La Fiom-Cgil di Taranto, in seguito alle assemblee del 4 ottobre scorso, propone l’ipotesi di una piattaforma rivendicativa al fine di conquistare un accordo condiviso che corrisponda alle aspettative dei lavoratori dell’Ilva.

In questi giorni, precisamente dal 9 all’11 ottobre, presso gli spogliatoi e le mense dello stabilimento, la Fiom Cgil ha avviato un referendum chiedendo ai lavoratori di esprimersi sulla propria piattaforma. Salute, ambiente e difesa del lavoro sono i temi principali.

Lo scrutinio avverrà domani, 11 ottobre alle ore 13.00, giorno in cui scade il termine di 5 giorni per lo spegnimento degli impianti  imposto dai magistrati. Una volta conclusosi il Referendum verrà proposto all’Ilva.

Donato Stefanelli, segretario Fiom Taranto dichiara: “E’ un momento delicato per tutti i lavoratori diretti e quelli dell’appalto legati a doppio nodo a questo stabilimento ed è opportuno che chi rischia due volte, il lavoro e la salute, possa dire la sua avendo ruolo e peso specifico in questa drammatica vicenda”.

Di seguito la Piattaforma proposta dalla Fiom di Taranto:

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Una replica a “Fiom Taranto e l'ipotesi di piattaforma : "Un'altra Ilva è possibile"”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.