Arianna Marseglia su toponomastica e consulta giovanile

/ Autore:

Politica


arianna-marsegliaRiceviamo e pubblichiamo comunicato stampa di Arianna Marseglia, consigliere comunale del Comune di Martina Franca:

Attraverso la deliberazione del consiglio, l’amministrazione comunale ha portato a completamento l’iter per l’approvazione del regolamento per la toponomastica cittadina. E’ innegabile che vi fosse l’esigenza di disciplinare la materia, di colmare un vuoto normativo, istituendo una Commissione ad hoc e dettando gli indirizzi sui nuovi toponimi alla quale la stessa deve attenersi. In primis, per tutelare la storia toponomastica di Martina Franca e del suo territorio, curando che le nuove denominazioni rispettino l’identità culturale e civile della città, i toponimi tradizionali, quelli storici o formatisi spontaneamente nella tradizione orale.

Anche l’omogeneità del dato toponomastico assume rilevanza giuridica quale chiave univoca di relazione tra le varie denominazioni viarie del medesimo quartiere o della stessa zona caratteristica.
In data odierna, la maggioranza consiliare ha, altresì, sostenuto l’istituzione, in via sperimentale, della Consulta Giovanile al fine di avviare una vera e propria progettualità nel campo delle Politiche giovanili.
Nell’ultimo decennio, infatti, abbiamo assistito a una progressiva crisi di partecipazione alle strutture politiche tradizionali. Questa crisi ha coinvolto soprattutto il mondo dei giovani. Le promesse non mantenute, gli scandali, l’opportunismo, i giochi di potere sono solo alcune delle ragioni per cui regna lo scetticismo tra le nuove generazioni che sono diventate il soggetto escluso da una classe dirigente nata e cresciuta in un mondo parallelo all’universo giovanile.

E allora la soluzione per riaprire in modo permanente il dialogo tra la politica e le nuove generazioni sembra proprio quella di moltiplicare il più possibile i luoghi e le occasioni di confronto e di dibattito, di garantire processi decisionali democratici e il più partecipati possibile.
Occorreva questa svolta, questo segnale di apertura da parte dell’Amministrazione Comunale. Solo così si potrà contare sull’appoggio dei giovani e solo così si potrà dare ad essi la forza per continuare a credere nei propri sogni perseguendone la loro realizzazione con tenacia.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?