Amati: "Nome in codice H2? Sì alla consultazione popolare". Risponde Chiarelli: "Ironia fuori luogo"

/ Autore:

Politica


Riportiamo il botta e risposta tra l’assessore regionale Fabiano Amati e il consigliere regionale Gianfranco Chiarelli in merito all’ospedale Fasano-Monopoli inizialmente denominato della Valle d’Itria.

Di seguito le dichiarazioni di Amati:

Il collega Gianfranco Chiarelli e il sindaco di Cisternino Donato Baccaro hanno ragione: il nuovo ospedale di Fasano-Monopoli non può essere denominato della ‘Valle d’Itria’. Il brand appartiene ai legittimi proprietari, non può essere espropriato ed ogni abuso rischia di attrarre fraudolentemente malati e malattie in un territorio diverso da quello della Valle d’Itria. D’ora in poi ogni volta che mi dovrò riferire al nuovo ospedale lo denominerò ‘H2’, quale codice di ‘brevetto’, attendendo che possa espletarsi presto la consultazione popolare sulla denominazione, così come proposto dai sindaci di Alberobello, Cisternino, Conversano, Fasano, Locorotondo, Monopoli e Polignano a mare. Chiarito questo importante inciampo di livello epocale sulla strada della salute spero che ora si possano cominciare tranquillamente le attività per la costruzione del nuovo ospedale“.

Di seguito la risposta di Chiarelli:

L’ironia è un’arte per la quale è richiesta una particolare predisposizione intellettuale, una visione oggettiva della realtà, una elevata capacità comunicativa. Se il collega Fabiano Amati ha pensato di fare della ironia, mi dispiace annotare che non vi è riuscito. Colpa mia, forse, che non sono riuscito a far vibrare le corde delle mie sinapsi neuroniche sulla stessa frequenza delle sue. Del resto sarebbe molto difficile che si verificasse il contrario attesa la incolmabile distanza che separa il nostro modo di affrontare le questioni. Mi chiedo comunque se sia davvero il caso di fare dell’ironia sulla salute della Gente. Amati finge di non capire, e allora repetita iuvant: ciò che la amministrazione Vendola ha fatto, purtroppo con il silenzio assenso di chi rappresenta il nostro territorio nella sua stessa maggioranza, non è un ‘inciampo epocale’ nella scelta ‘onomastica’ con cui indicare il nuovo ospedale che si vuole costruire a Monopoli-Fasano, quanto piuttosto “geografica”, avendo ingannato per anni i martinesi con la promessa di realizzare a Martina il nuovo polo sanitario di eccellenza. Con la realizzazione dei nuovi ospedali di Taranto e Monopoli-Fasano, peraltro prevalentemente con fondi FAS, si condanna definitivamente l’ospedale di Martina al declino. E questo, Amati lo consenta, non ci fa ridere per nulla“.

Pubblicità Cerchi casa, lavoro, una macchina nuova ?
Vuoi comprare o vendere qualsiasi cosa ? Fallo con Bakeca.it!

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


1 Commento

E tu cosa ne pensi?


Commenti

  • Vito Pastore ha detto:

    Come intende il consigliere regionale Pentassuglia commentare le parole beffarde dell’assessore regionale Amati nei confronti della nostra città?
    Il territorio del nostro Comune come il numero degli abitanti sono stati ricompresi nei calcoli per ottenere il finanziamento per il nuovo ospedale Fasano-Monopoli?
    Sono queste le questioni rimaste irrisolte.