Agevolazioni antiusura per gli operai Ilva

/ Autore:

Società


Il difficile momento che stanno vivendo i migliaia di operai dell’Ilva, a rischio di chiusura, comprende anche la possibilità di accedere a prestiti o piccoli crediti. Il rischio è che si passi, come sta avvenendo a Martina Franca, nelle mani degli usurai.

Per questo motivo stamattina si è tenuto a Taranto a cui hanno partecipato la coordinatrice dello Sportello Antiracket e Usura di Lecce, Brindisi e Taranto, Maria Antonietta Gualtieri, e gli imprenditori e i commercianti della zona, per palare di prevenzione e cura del cancro sociale rappresentato da racket e usura. Attorno al tavolo anche l’assessore del Comune di Taranto, Francesco Cosa, e il dirigente della Squadra Mobile della Questura locale, dott. Roberto Pititto.

L’assessore –spiega Gualtieri- ha sottolineato quali siano le difficoltà e le pressioni, anche in termini economici, che gravano sulle famiglie degli operai del siderurgico. Uno spunto importante da cui partire per tendere una mano a decine e decine di persone in difficoltà”.

Da questo momento in modo ufficiale, lo Sportello garantisce la sua presenza e disponibilità agli operai che abbiano bisogno di aiuto.

Siamo pronti –garantisce Gualtieri- ad intervenire  per sostenere la richiesta di accesso al credito collettivo presso gli istituti bancari. Coloro che vorranno rivolgersi a noi, potranno presentarsi, previo appuntamento, allo Sportello di Taranto e troveranno me e il mio staff, pronti a fornire tutte le delucidazioni e gli aiuti possibili. Situazioni da allarme rosso, quale il futuro occupazionale di queste persone, sono terreno fertile dove attechiscono le mire della criminalità e non solo. Abbiamo il dovere morale e sociale di intervenire”.

Per rivogersi allo Sportello, con sede presso Palazzo Galeota, in via Duomo a Taranto, si possono chiamare i numeri 0832.682681 e 339.7597808 , oppure inviare un fax allo 0832.682675 o una mail agli indirizzi antiracketsalento@libero.it e antiracketsalento.ta@libero.it.

L’incontro odierno è stat inoltre occasione per avviare un importante rapporto di collaborazione con la Questura di Taranto.

Cerchi lavoro e non lo trovi?
Carica il tuo profilo su Bakeca.it! Se non trovi lavoro, sarà lui a trovare te!

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?