Consiglio sullo staff. Carrieri: "Qualcuno non gradisce che si rispettino le regole"

/ Autore:

Politica



Ancora sullo staff del Sindaco, dopo il Consiglio monotematico voluto dall’opposizione, dopo gli interventi di Miali (Udc) e di Pulito (Pdl), interviene Martino Carrieri, de La Puglia Per Vendola, che ci invia un comunicato in cui punta il dito verso una scelta strumentale e demagogica fatta da chi, quando era al governo della città, aveva uno staff composto dal doppio delle persone e che costava ai cittadini due volte tanto.

Ecco il comunicato:

Sono sbalordito per la grande capacità demagogica e strumentale dimostrata nell’ultimo Consiglio comunale da parte dell’opposizione.

Un dibattito, anzitutto, inconcepibile nella forma scelta: un monotematico costato “solo” (come direbbe qualcuno) migliaia di euro ai martinesi (e meno male che dai banchi della maggioranza si è levata la proposta di rinunciare al gettone di presenza!!).

Uno spreco di denaro pubblico, una vera bestemmia in tempi di spending review.

Nella conferenza dei capigruppo dello scorso 21 novembre avevamo proposto di parlarne sì, ma utilizzando strumenti più “economici” e sicuramente più corretti, come potevano essere un’interrogazione o un’interpellanza.

E poi con quale coraggio può criticare le scelte del sindaco chi, negli anni precedenti, spendeva esattamente il doppio per lo staff?!

Con quale onestà intellettuale può criticare il metodo (consistito nel rispetto delle formalità dettate dall’art. 90 del T.U. 267/2000 e dall’art. 85, c.3 del Regolamento commissariale del 12 gennaio scorso) chi, negli anni precedenti, conosceva a mala pena il senso delle procedure ad evidenza pubblica e non era certo esempio di trasparenza?!

Con quale senso della legalità arriva a proporre un ordine del giorno direttamente in Consiglio (in palese contrasto con l’art. 28 del nostro Statuto) chi aveva avuto un mese per farlo?!

L’opposizione ha dimostrato una volta in più la propria volontà di proseguire con un atteggiamento propagandistico, in totale spregio del buon senso. Ma non doveva essere “costruttiva”?!

Qualcuno non gradisce che si rispettino le regole. Se ne faccia una ragione. Questa maggioranza sta tentando con tutte le proprie forze di invertire la rotta degli ultimi anni. Il percorso è ancora lungo e pieno di insidie, ma non sarà interrotto.



commenti

E tu cosa ne pensi?