Mario Monti: irrevocabili dimissioni

/ Autore:

Politica


Mario Monti intende presentare “irrevocabili dimissioni”. Così si legge sul sito del Quirinale, con una nota pubblicata pochi minuti fa. Napolitano ha presentato a Monti gli esiti dei colloqui con i rappresentanti della maggioranza ma, a quanto pare, Mario Monti già aveva capito che aria tirava: bastava prendere in considerazione le parole di Alfano, dette ieri alla Camera.

Il Presidente del Consiglio non ritiene pertanto possibile l’ulteriore espletamento del suo mandato e ha di conseguenza manifestato il suo intento di rassegnare le dimissioni. Il Presidente del Consiglio accerterà quanto prima se le forze politiche che non intendono assumersi la responsabilità di provocare l’esercizio provvisorio – rendendo ancora più gravi le conseguenze di una crisi di governo, anche a livello europeo – siano pronte a concorrere all’approvazione in tempi brevi delle leggi di stabilità e di bilancio. Subito dopo il Presidente del Consiglio provvederà, sentito il Consiglio dei Ministri, a formalizzare le sue irrevocabili dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica”. (qui la fonte: http://www.quirinale.it/elementi/Continua.aspx?tipo=Comunicato&key=14378).

Secondo le intenzioni di Monti, prima ci sarebbe da approvare la legge sulla stabilità, e poi, presumibilmente entro dicembre, e quindi poi tutti a casa, con Napolitano che scioglie le camere per evitare l’esercizio provvisorio, una sorta di commissariamento. Ma la prima ipotesi è la più probabile.

Si voterà dopo 45 giorni dallo scioglimento delle Camere, quindi, secondo noi, entro e non oltre la fine di Febbraio e ancora con la vecchia legge elettorale.

Buon Natale a tutti.


Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


4 Commenti

E tu cosa ne pensi?


Commenti

  • limadelta ha detto:

    Se la maggioranza dovesse perdere Martucci e Company, non sarebbe poi un grande guaio,alla pari di quanto lui stesso chiede e alla pari di quanto il me rappresenta per martina e alla regione Puglia, visto che e’ gia’ da un in campagna elettorale.ha ragione quando dice sì deve cambiare,sono d’accordo incominci a dare il buon esempio.

  • Gianni ha detto:

    Ma chi sono? I brutos?

  • giuseppe ha detto:

    Si tratta del solito teatrino della politica in equilibrio tra ultimatum vari e sguardo rivolto alle prossime elezioni regionali, se questi consiglieri hanno avallato tutte le decisioni della giunta anche attraverso un loro rappresentante ora che vogliono? Erano forse distratti o materialmente non leggevano quello che era riportato nelle delibere. In ambedue i casi non ci fanno una bella figura, gli annunci roboanti tipo l’invio degli atti relativi alle assunzioni alla procura lasciano il tempo che trovano, se fossero coerenti farebbero dimettere il loro assessore che fino a prova contraria non ha mai detto una parola contro l’amministrazione. O si è da una parte o si è dall’altra.

  • limadelta ha detto:

    Non sono nemmeno meravigliato quando si chiede l’azzeramento della giunta,salvo poi non far dimettere il proprio assessore e quindi dare quel segno di cambiamento tanto predicato in varie occasioni. Basta fare campagna elettorale la gente sa valutare anche senza apparizioni che ci vengono imposti periodicamente,soltanto per delle prediche che nulla hanno di concreto se non fare propaganda al proprio mulino a “vento”.