Ostuni, Educational Tour presso Masseria Morrone

/ Autore:

Cultura, Società


“L’educazione alimentare e il mondo agricolo tra innovazione e tradizione” è il tema della terza edizione dell’”educational tour” che si svolgerà mercoledì  prossimo, 13 dicembre, con inizio alle ore 17.30 presso la masseria didattica Morrone (sulle pendici dei colli ostunesi verso Fasano).

L’iniziativa è appositamente dedicata ai dirigenti scolastici e agli insegnanti referenti dei viaggi d’istruzione e dei progetti di educazione alimentare al fine di far conoscere le peculiarità e il valore di queste strutture nell’ambito della didattica verso le nuove generazioni che non conoscono il mondo agricolo, la campagna, la produzione degli alimenti biologici e genuini come si facevano una volta.

La giornata e l’iniziativa, col patrocinio del Comune di Ostuni, vuole anche sensibilizzare la popolazione di terra di Brindisi al “corretto rapporto con l’alimentazione, l’ambiente e il territorio e, inoltre, promuovere e far crescere la rete delle masserie didattiche di Puglia che nel corso degli anni hanno assunto una posizione di rilievo nel panorama regionale e nazionale”.

Questo “educational tour”, è volto soprattutto ad aprire il mondo della scuolaalla conoscenza del territorio, di queste strutture e delle persone che vi abitano stimolando la crescita e comprensione dell’attività naturale e produttiva dell’agropastorale e di questi siti che si sono mantenuti intatti nel tempo sia nella sua valenza architettonica che nella produzione di formaggi, insaccati, olio, vino, pane, taralli, frise fatte col forno a legna ma anche frutta, ortaggi e legumi rivenienti dalla coltivazione della campagna.

I bambini e ragazzi delle città, non conoscono questo mondo agricolo e le masserie didattiche come quella di “Morrone” di Antonio Laera, in agro di Ostuni, sono strutturate e abilitate a far capire e mostrare alle nuove generazioni questo modo di vita di un tempo che ancora oggi sono portati avanti con risultati sia occupazionali che reddituali.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?