Riordino ospedaliero: a Ostuni tornano pediatria e pneumologia

/ Autore:

Politica, Società



Importanti novità per il comparto sanitario brindisino giungono dalla delibera di riordino della rete ospedaliera, adottata nel corso dell’ultima riunione della giunta regionale pugliese.

Una riorganizzazione vincolata dai parametri nazionali e che per il territorio di Brindisi ridefinisce l’offerta sanitaria attraverso un nuovo piano di razionalizzazione. Legate all’azienda ospedaliera brindisina divengono le strutture ospedaliere di Brindisi, Francavilla, Ostuni, a cui si aggiungono Fasano, quale plesso dell’ospedale di Ostuni, Ceglie Messapica, San Pietro e Mesagne. Riconfermati i 30 posti letto per la struttura dell’Irccs “Medea – La nostra Famiglia” di Ostuni quale importante polo scientifico di ricerca. 

Con le modifiche approvate sul piano di riordino, la provincia di Brindisi aumenta i posti letto da1085 a1110. Altra novità importante quella che riguarda il reparto di pediatria dell’ospedale di Ostuni che riaprirà i battenti il prossimo 1° gennaio. Sempre nel nosocomio della città bianca tornerà ad attivarsi il reparto di pneumologia con i suoi 20 posti letto.

Restano attivi quindi gli ospedali di Ostuni e Fasano dove però sembra ormai inevitabile il taglio ai reparti di ostetricia. Il punto nascita dell’ospedale di Ostuni potrà essere recuperato attraverso i 6 posti del reparto di ginecologia.


commenti

E tu cosa ne pensi?