Parcheggio in Viale Europa. Affidato l'incarico al direttore dei lavori

/ Autore:

Società



parcheggio-viale-europaMARTINA FRANCA – Si chiama Bernardo Albano il direttore dei lavori e il coordinatore della sicurezza, l’ingegnere che ha avuto l’incarico dal Comune di Martina Franca. Anche in questo caso si è scelto di affidare l’incarico “in economia”, ovvero, essendo la somma totale inferiore a quarantamila euro, il dirigente Mandina ha affidato la direzione dei lavori direttamente, senza indire un bando o una gara. Questa volta l’Ufficio tecnico, almeno da quanto si legge dalla determina 122 del 4 marzo 2013, ha contattato cinque professionisti, scegliendo di affidare l’incarico a chi offriva il prezzo più basso.

Ha vinto, se così si può dire, Albano, con un’offerta di 38.805,17 euro, oltre iva.

I lavori del parcheggio, che costeranno oltre 2.500.o00 di euro, di cui 1.000.000 finanziato dalla Regione Puglia, sono stati aggiudicati alle ditte Mallardi srl e Antonio Resta e C. il 24 luglio scorso.

A breve, quindi, l’inizio effettivo dei lavori.


commenti

10 Commenti

E tu cosa ne pensi?


Commenti

  • Martin Russano ha detto:

    Ma come si fa ad affidare un incarico per €.38.805,17 che con le vecchie tariffe D.M. 04/04/2011era valutato intorno a €.165.000,00?
    Come fa un Amministrazione a decidere, deliberatamente, di non indire una gara per questo tipo di incarichi, dando pe scontato che l’offerta sarebbe stata sotto la soglia dell’affidamento diretto?
    L’Amministrazione è a conoscenza che per affidare degli incarichi pubblici bisogna far riferimento ai nuovi parametri emanati con D.M.140/2012?
    Mi chiedo come si faccia ad affdare gare di questa portata con il criterio del massimo ribasso e non dell’offerta economicamente vantaggiosa? Cui prodest?
    Ma dov’è finita il decoro professionale?Come fanno questi professionisti a ritenere remunerativi questi incarichi? Io qualche idea me la sono fatta, ma la tengo per me per ora.
    martin russano

  • Martin Russano ha detto:

    Ma come si fa ad affidare un incarico per €.38.805,17 che con le vecchie tariffe D.M. 04/04/2011era valutato intorno a €.165.000,00?
    Come fa un Amministrazione a decidere, deliberatamente, di non indire una gara per questo tipo di incarichi, dando pe scontato che l’offerta sarebbe stata sotto la soglia dell’affidamento diretto?
    L’Amministrazione è a conoscenza che per affidare degli incarichi pubblici bisogna far riferimento ai nuovi parametri emanati con D.M.140/2012?
    Mi chiedo come si faccia ad affdare gare di questa portata con il criterio del massimo ribasso e non dell’offerta economicamente vantaggiosa? Cui prodest?
    Ma dov’è finita il decoro professionale?Come fanno questi professionisti a ritenere remunerativi questi incarichi? Io qualche idea me la sono fatta, ma la tengo per me per ora.
    martin russano

  • Luca ha detto:

    Da povero cittadino quale sono, lo sai che me ne frega delle tariffe del D.M.140/2012.
    E’ ora che anche i professionisti stringano la cinghia.
    Invece di parlare di cifre dobbiamo augurarci che il curriculum professionale del professionista sia all’altezza e che sia stato verificato, perchè risparmiare qualche soldino fa bene a tutta la comunità.

  • Luca ha detto:

    Da povero cittadino quale sono, lo sai che me ne frega delle tariffe del D.M.140/2012.
    E’ ora che anche i professionisti stringano la cinghia.
    Invece di parlare di cifre dobbiamo augurarci che il curriculum professionale del professionista sia all’altezza e che sia stato verificato, perchè risparmiare qualche soldino fa bene a tutta la comunità.

  • angelo ha detto:

    Il ricorso a questo tipo di procedura deve essere opportunamente motivato. La mancata motivazione, pertanto, costituisce una ingiustificata sottrazione di questi affidamenti alle ordinarie procedure concorsuali (Deliberazione Autorità Vigilanza Contratti Pubblici n. 4/2009)
    Sempre l’AVCP dice:
    I lavori eseguibili in economia sono individuati da ciascuna stazione appaltante nell’ambito delle seguenti categorie generali (articolo 125, comma 6, del decreto legislativo n. 163/2006):
    a) manutenzione o riparazione di opere o impianti, quando ricorre un evento imprevedibile e non sia possibile realizzarle con gli ordinari sistemi di affidamento;
    b) manutenzione di opere o di impianti;
    c) interventi non programmabili in materia di sicurezza;
    d) lavori che non possono essere differiti, dopo l’infruttuoso esperimento delle procedure di gara;
    e) lavori necessari per la compilazione di progetti;
    f) completamento di opere o impianti a seguito della risoluzione del contratto in danno dell’appaltatore inadempiente, quando vi è necessità e urgenza di completare i lavori.

  • angelo ha detto:

    Il ricorso a questo tipo di procedura deve essere opportunamente motivato. La mancata motivazione, pertanto, costituisce una ingiustificata sottrazione di questi affidamenti alle ordinarie procedure concorsuali (Deliberazione Autorità Vigilanza Contratti Pubblici n. 4/2009)
    Sempre l’AVCP dice:
    I lavori eseguibili in economia sono individuati da ciascuna stazione appaltante nell’ambito delle seguenti categorie generali (articolo 125, comma 6, del decreto legislativo n. 163/2006):
    a) manutenzione o riparazione di opere o impianti, quando ricorre un evento imprevedibile e non sia possibile realizzarle con gli ordinari sistemi di affidamento;
    b) manutenzione di opere o di impianti;
    c) interventi non programmabili in materia di sicurezza;
    d) lavori che non possono essere differiti, dopo l’infruttuoso esperimento delle procedure di gara;
    e) lavori necessari per la compilazione di progetti;
    f) completamento di opere o impianti a seguito della risoluzione del contratto in danno dell’appaltatore inadempiente, quando vi è necessità e urgenza di completare i lavori.

  • Vito Pastore ha detto:

    L’ing. Berardo Albano professionista stimatissimo è una garanzia per l’estate esecuzione dei lavori.

  • Vito Pastore ha detto:

    L’ing. Berardo Albano professionista stimatissimo è una garanzia per l’estate esecuzione dei lavori.

  • Vito Pastore ha detto:

    Pardon, esatta e non estate.

  • Vito Pastore ha detto:

    Pardon, esatta e non estate.