Casa della Musica, presentazione del libro Nicola Arigliano – beato tra le note

/ Autore:

Cultura


Un artista eclettico, geniale e raffinato, che ha vissuto con e per la musica anche lontano dai riflettori.

E’ questo il ritratto che del grande Nicola Arigliano ha voluto delineare Giancarlo Sanò nel suo libro “Nicola Arigliano – beato tra le note“. Il volume, prima biografia autorizzata del grande cantautore pugliese, sarà presentato venerdì, 12 aprile, alle ore 19, nell’auditorium della Casa della Musica di Ostuni.

Un omaggio ad un’artista straordinario, salentino doc, originario di Squinzano (Lecce), a tre anni dalla sua scomparsa, avvenuta il 30 marzo del 2010, all’età di 87 anni. Arigliano, grande interprete del jazz, genere di cui è stato un vero e proprio innovatore, ha scandito con la sua musica, la sua voce straordinaria, decenni di storia della canzone italiana.

Un libro  – evidenzia il suo autore – in cui ho cercato di sfatare alcuni luoghi comuni come la fuga avvenuta, inverosibilmente, all’età di 11 anni e in parte quelli relativi all’alimentazione. Per il resto ho cercato di descrivere cronologicamente la carriera di Nicola Arigliano compulsando diverse riviste d’epoca e libri che hanno ripercorso la storia della canzone italiana. Un libro impreziosito da molte testimonianze. Interviste che, per mia scelta – sottolinea Sanò – riguardano soprattutto persone che hanno condiviso con lui la seconda giovinezza artistica. Unica deroga il maestro Franco Cerri, grande amico di Nicola.

Tra le pagine del libro, inoltre, un “Pensiero d’autore” del cantautore Franco Simone, la discografia aggiornata e splendide foto a colori e in bianco e nero.

All’incontro prenderanno parte:

 – il sindaco di Ostuni, avv. Domenico Tanzarella;

 – il dottor Alfonso Renna, Presidente del Circolo Jazz Nicola Arigliano di Squinzano;

 – il dottor Roberto Marangione, Presidente di Salento in Campo

A dialogare con l’autore e a moderare la serata, Gianluca Zurlo.

Un nuovo, prestigioso evento firmato “Casa della Musica”.   

 


commenti

E tu cosa ne pensi?