Sentenza Consiglio di Stato. Il PUG può andare avanti

/ Autore:

Società


franco-ancona-sindaco-martina-francaMARTINA FRANCA – La sezione Quinta del Consiglio di Stato ha respinto l’istanza cautelare (ricorso numero 1677/2013) proposta dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Taranto, coadiuvati dal Consiglio Nazionale degli Architetti, per la sentenza della Sezione III del Tar Puglia.

Il Tribunale Amministrativo di Lecce, con decisione assunta nella Camera di Consiglio del 25 ottobre 2012 e pubblicata in data 15 gennaio 2013, aveva rigettato l’istanza cautelare avanzata dall’Ordine che a giugno scorso aveva chiesto l’annullamento della determina n.93 del 30 dicembre 2011.

Con tale atto il Dirigente del Settore Sviluppo Territoriale del Comune di Martina Franca conferiva un incarico al Dipartimento ICAR di Ingegneria Civile e Architettura del Politecnico di Bari per un’ attività di consulenza urbanistica finalizzata al coordinamento del costituendo Ufficio del piano per la redazione del Documento Programmatico Preliminare al PUG.

A seguito della determina, il 25 gennaio 2012, venne stata stipulata la relativa convenzione di incarico.

La sentenza del Tar di Lecce dell’ottobre scorso e quella di oggi del Consiglio di Stato – dichiara il sindaco Franco Anconapermettono alla città di Martina Franca di continuare l’iter avviato per la definizione di un nuovo Piano Urbanistico Generale attraverso l’incarico di consulenza affidato all’Università di Bari che, insieme al procedimento sulla Rigenerazione Urbana, fanno ripartire l’attività urbanistica della nostra città completamente bloccata negli ultimi dieci anni”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?