Assi Ostuni: rush finale per l’ultimo posto play off

/ Autore:

Basket, Sport


E siamo alla stretta finale, dopo le ultime tre sconfitte consecutive l’Assi Basket Ostuni negli ultimi 40’ minuti di gioco mette in discussione una stagione intera, una stagione che ha vissuto fra tanti travagli dopo che alla vigilia era stata data come una delle serie candidate alla vittoria finale e che invece dovrà giocarsi l’ultimo posto utile disponibile per la qualificazione ai play off nella gara casalinga contro Gaeta se pur sgomitando con il Martina che condivide con i gialloblu l’ottava posizione ma ha lo svantaggio di aver perso entrambi gli scontri diretti contro Morena e compagni; solo una sconfitta di Ostuni ed una vittoria dei tarantini potrebbe regalare alla compagine della Valle D’Itria  l’ultimo posto utile per disputarsi i play off con le già designate  sette compagini che hanno conquistato la qualificazione con anticipo.

Ostuni affronta una formazione già salva in anticipo al suo primo anno di DnB, ma questo non deve far dormire sogni tranquilli ai ragazzi di Coco Romano perché la sorpresa è sempre nascosta dietro l’angolo e potrebbe giocare un brutto scherzo ai gialloblu chiudendo così una stagione negativa per la palla a spicchi facendo calare il sipario definitivamente.

La formazione campana che quest’anno disputa per la prima volta questo campionato dopo la promozione dello scorso anno,  è guidata dal 2010 dalla panchina da  Fabio Nardone,  ex giocatore con alle spalle campionati sia in DnA che in DnB  ( ex B1 e B2 ),  il coach si avvale sul rettangolo di gioco del contributo di  Pitton Enrico, classe 93’  nativo della provincia di Latina, agisce nel ruolo di playmaker; cresciuto cestisticamente nel settore giovanile dell’Associazione Basket Latina, ha successivamente avuto esperienze nel campionato di DnA con il Latina;  Fabio Addessi, classe 81’  gioca nel ruolo di guardia/ala piccola, già da diversi anni con la casacca di Gaeta, è uno dei punti di riferimento della squadra.

Antonello Lilliu,  classe 82’, agisce nel ruolo di guardia, ha una buona media punti a gara, elemento di forza della squadra;  Stefano Marrocco, pugliese, nativo di Galatina gioca nel ruolo 3 – 4 ed è un elemento molto duttile con delle buone percentuali al tiro.

Antonio De Fabritiis, classe 90’ nativo di Fondi, è cresciuto cestisticamente nella Stella Azzurra Roma dove ha giocato la scorsa stagione; elemento importante per la squadra con buone percentuali a punti.

Massimo Macaro, classe 72 che agisce nel ruolo di play, ha un passato cestistico con le casacche di Chieti, Virtus Siena e Fondi;

Gabriele Mirone,  classe 92’  di 204 cm e naturalmente sotto canestro fa valere i suoi centimetri sia in fase offensiva che difensiva; cresciuto nelle fila della Virtus Siena ha vestito la casacca anche della Pallacanestro Ferrara.

A completare il roster troviamo Gaetano Pietrosanto, che agisce nel ruolo di ala e Nazareno Vellucci.

La formazione laziale potrebbe presentarsi nella città bianca con qualche problema di formazione perché, Marrocco ha dei problemi gastrointestinali che il giocatore sta curando e che potrebbe non risolvere entro domenica, e Macaro che durante la gara contro la Stella Azzurra ha subito un trauma cranico e che sta cercando di risolvere prima dell’ultima trasferta ed ultima gara della stagione.

L’Ostuni quindi si appresta a fare l’ultima sgroppata della regola season con la speranza di chiudere con una vittoria portando a casa la qualificazione ai play off andando a raggiungere le sette sorelle che hanno già tagliato il nastro qualificazione cercando così un finale di stagione meno amaro cercando di regalare alla tifoseria della città bianca qualche sorriso dopo aver ingoiato tanti bocconi amari che hanno allontanato il pubblico dal Pala Gentile dopo i fasti della Lega Due della passata stagione che vide i gialloblu disputare al loro primo anno di partecipazione al secondo campionato nazionale i play off.

Domenica il Pala Gentile sarà teatro di questi ultimi 40’ minuti con la clessidra che inesorabilmente farà scendere la sua sabbia senza concedere attenuanti ma decretando un verdetto che bisognerà cercare con ogni mezzo che sia positivo per Morena e compagni cercando di continuare questa avventura cercando di farla durare quanto più allungo possibile.

Domenico Moro

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?