Presentazione Martina Calcio a 5 femminile. Boccia: "Giocheremo ogni partita per vincere"

MARTINA FRANCA –  Ieri, martedì 15 ottobre, nella Sala Conferenze del Park Hotel San Michele il presidente Guglielmo Boccia, insieme alla dirigenza e al nuovo allenatore Fabrizio Semeraro, ha presentato alla città la nuova squadra del Martina Calcio a 5 femminile che, dopo la parentesi in serie A dello scorso anno, tornerà a disputare il campionato regionale.

Presenti alla conferenza stampa anche il sindaco Franco Ancona e l’assessore allo sport Stefano Coletta che hanno voluto sottolineare la loro vicinanza a tutte le società sportive presenti in città.

Stefano Coletta nel suo intervento ha evidenziato l’importanza che hanno gli imprenditori che decidono di investire sullo sport: “So bene i sacrifici che si fanno per gestire una società, a tutte queste persone va il mio ringraziamento perché senza di loro Martina non sarebbe quella città dello Sport che è diventata negli anni. Un plauso va anche e soprattutto a Guglielmo Boccia, che è stato uno dei primi a portare il calcio femminile a Martina e se ora ci sono 3 società femminili di calcio a 5 è anche grazie al lavoro fatto negli anni da Boccia“.

Nata nel 2003 l’A.S.D. Martina Calcio a 5 femminile quest’anno festeggia i suoi dieci anni di vita e lo fa con un progetto nuovo: “Non so se riusciremo a vincere il campionato – dichiara Boccia – ma sicuramente giocheremo tutte le partite per vincere. La squadra è nuova, molto giovane e ci vorrà del tempo. Il nuovo allenatore sta facendo un ottimo lavoro, la preparazione è stata dura, ma è su quella che si basa tutta la stagione. Ora si deve giocare, finalmente, e giocheremo per vincere“.

La squadra ha un’età media tra le più basse, è molto giovane e la maggior parte delle calcettiste proviene dal calcio a 11, ed è per questo che Fabrizio Semeraro, nel suo lungo intervento, sottolinea l’importanza del progetto e non solo della stagione: “Come in una gravidanza, dove ci vogliono 9 mesi per far crescere una nuova vita, anche io so che ci vorrà del tempo per far crescere questa squadra. Questo è un progetto che se visto a lungo termine porterà i suoi frutti. Dobbiamo allenarci non solo per vincere le partite, ma anche per migliorarci ogni giorno senza trascurare il lato umano. Come diceva don Tonino Bello ‘Le differenze sono sempre da comporre, non da eliminare. È ovvio che dal rispetto deve derivare l’accoglienza’, dobbiamo migliorarci non per eliminare le differenze, ma per comporre qualcosa… se ci sentiamo migliori con noi stessi siamo più portati ad accogliere l’altro, con le proprie differenze. Alla fine, se mettiamo insieme i minuti di gioco di un campionato, si arriva a malapena a 24 ore di gioco. Credo molto nella forza del gruppo, non dei singoli”.

La stagione partirà ufficialmente stasera con la prima partita di Coppa Puglia in trasferta a Noci.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.