Ai confini della psicoanalisi. Incontro con Giuliana Scarselli e Giuseppe Leo

/ Autore:

Cultura


MARTINA FRANCA – Il Presidio del libro di Martina Franca,  in collaborazione con l’Assessorato alle attività culturali, ha organizzato, per sabato 23 novembre, ore 18.00, presso la Sala degli Uccelli a Palazzo Ducale, un incontro con Giuliana Scarselli e Giuseppe Leo per la presentazione del libro “Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione” (ed. Frenis Zero).

Durante l’iniziativa, promossa dalle Regione Puglia- Assessorato al Mediterraneo, cultura e turismo, in collaborazione con l’Associazione dei Presìdi del libro, verranno proiettati alcuni spezzoni del video di Giuseppe Riefolo e Paolo Boccara “Lo schermo opaco” con interviste ad Anna Ferruta, Antonino Ferro, Franco Borgogno e Stefano Bolognini.

La teoria psicoanalitica come modello per educare, curare e riabilitare. Questo è il senso dell’incontro tra Giuliana Scarselli, psicologa e psicoterapeuta, e Giuseppe Leo, psichiatra e psicoterapeuta, al centro della “riflessione psicoanalitica vi è la concezione della persona con le sue relazioni e la rappresentazione del soggetto come attore attivo del mondo con le sue potenzialità che sono sempre presenti, anche quando queste sono congelate o evacuate. Il modello analitico, che si occupa principalmente degli aspetti profondi della relazione e delle modalità migliori per gestirla, può essere assunto come riferimento di base per tutti coloro che hanno responsabilità di cura, educazione, crescita e sviluppo dell’individuo“.

Il libro “Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione” è il terzo volume della collana “Id-entità mediterranee” delle edizioni Frenis
Zero. L’intento è quello di portare avanti un progetto che vorrebbe porre la psicoanalisi e la storia del mediterraneo ai due poli di una
riflessione ‘al confine’ tra psicologia e sociologia, medicina e pedagogia, arte e letteratura , psicoterapia degli individui e dei gruppi e clinica delle psicopatologie sociali.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?