Marco Ligabue sostiene i bambini del Benin insieme al Comune di Ostuni

/ Autore:

Società


Ho conosciuto Marco Ligabue in due diverse occasioni, la prima quando è stato invitato nella nostra città, Ostuni, per l’evento benefico: “La Puglia Canta Ligabue”, dove Marco era ambasciatore in Puglia della famiglia Ligabue.
Qualche settimana dopo, Marco ha tenuto nella Città Bianca il concerto promozionale del suo primo album da solista, in quell’occasione tra me è Marco è nato uno un bel rapporto di amicizia, che continua anche oggi.
Lo scorso 10 settembre, è uscito nei negozi di dischi e in digitale il suo album dal titolo: “Mare Dentro”, già in quell’occasione si è potuto apprezzare lo spirito solidale del ragazzo di Correggio, infatti, parte dell’incasso del cd, è stato destinato alla Croce Rossa Italiana.
Qualche giorno fa Marco Ligabue, in occasione della pubblicazione del video del suo nuovo singolo, “la Più Grande Orchestra”, ha deciso di dar voce ai bambini-minatori del Benin.
Il video diretto da Mario Piredda e visibile su Youtube (http://youtu.be/Gm3ZsizThBQ), si apre con le toccanti immagini dei piccoli della comunità di Dassà, costretti per dieci e più ore al giorno a far suonare i loro martelli e spaccare il granito per la costruzione di mattoni. Sono centinaia, dai 2 anni in su, e spaccano pietre per guadagnare due euro a settimana e aiutare le loro famiglie a mangiare.
Sino al 11 gennaio 2014, ovvero dopo un mese esatto dallo sbarco on line, per ogni visualizzazione del videoclip l’associazione Buona Nascita Onlus donerà un centesimo di euro a questi bambini. L’organizzazione italiana presieduta dal prof. Giuseppe Masellis e impegnata sul fronte della tutela della maternità e dell’infanzia, si sta da tempo impegnando in favore dei bambini-minatori della comunità di Dassà, per permettergli di affrancarsi dal duro lavoro e andare a scuola, favorendo l’autodeterminazione delle famiglie. Un progetto sostenuto con entusiasmo anche da alcuni partner istituzionali, tra cui il comune di Quistello (MN) e il Comune di Ostuni (BR).
Un milione di click porterebbe un intero villaggio a scuola.
”Quando ho visto le immagini dei bambini del Benin in quelle condizioni – scrive Marco sulla sua pagina Facebook – sono rimasto sconcertato. Mi è venuta subito la voglia di fare qualcosa, e al più presto. Così è nato il progetto “La più grande orchestra”.
La musica non può certo cambiare il mondo, ma sensibilizzare tante persone e dare un aiuto concreto, certamente.
Un progetto sostenuto anche dal Comune di Ostuni, che ha così dimostrato l’attaccamento alla famiglia Ligabue, dopo l’appoggio importante dato dalla stessa famiglia durante l’evento benefico, “La Puglia Canta Ligabue”, evento ideato e messo in scena grazie alla sensibilità di Maurizio Flore, coadiuvato dalle quattro TributeBand del rocker di Correggio. L’iniziativa andata in scena a luglio scorso, nella quale si raccolsero fondi per la fondazione “Il Cerchio della Vita di Tiziana Semerano”, e vennero effettuate donazioni concrete per la sezione Avis cittadina.
Oggi il comune di Ostuni, sostiene la causa lanciata da Marco Ligabue, servono anche i nostri clic per aiutare i bambini del Benin.

Nella foto di copertina da destra Marco Ligabue, Maurizio Flore e Flavio Cellie.

20131217-224037.jpg

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?