Ostuni, la città festeggia il suo Santo Patrono Biagio

/ Autore:

Cultura


San BiagioLunedì 3 febbraio, la chiesa festeggia San Biagio, Santo Patrono di Ostuni e il popolo di fedeli, secondo usanza consolidata, faranno il pellegrinaggio al Santuario rupestre (sito sui colli di Ostuni), ricco di richiami storici per vivere un momento di devozione presso la Chiesetta rupestre dove si celebreranno le funzioni religiose alle ore 8, 10, 12 e 14.
Si rinnoverà l’accensione del fuoco nel piccolo spiazzo antistante le grotte affrescate sede un tempo dei monaci basiliani per tutti quei fedeli che attenderanno la prima funzione religiosa della mattina.
Al fine di salvaguardare il patrimonio storico e ambientale del Santuario rupestre di San Biagio e ridurre l’impatto del traffico privato, il Sindaco Tanzarella, ha invitato i cittadini ad utilizzare, per il pellegrinaggio, i mezzi pubblici messi a disposizione gratuitamente dall’Amministrazione comunale. “Mi auguro” spiega il Sindaco “che il giorno di S. Biagio sia un momento di festa, di partecipazione e di devozione. Una festa insieme religiosa e civile che accomuna tutti i cittadini ostunesi in una ricorrenza che ancora una volta testimonia l’attenzione della città verso alcuni principi e valori che vengono individuati nella festa religiosa”.
Dalle 13,30 alle 16,30 sarà attivo un servizio di trasporto gratuito che collegherà Ostuni con il santuario. I pullman partiranno ogni mezz’ora da Viale Pola (nei pressi dell’edificio scolastico “Pessina”) ed effettueranno una sola fermata in C.so Mazzini nei pressi dell’Elaiopolio.
Il rientro sarà articolato con le stesse modalità. L’ultima corsa per tornare in città è prevista per le ore 17. Il Ser-Servizio Emergenza Radio e la Croce Rossa-Sezione di Ostuni, assicureranno per tutta la giornata un servizio di assistenza sui colli per qualsiasi problema d’emergenza.
Nel pomeriggio, alle ore 18, nella Basilica Concattedrale, solenne concelebrazione eucaristica con i sacerdoti della città il Vicario Foraneo, Don Giovanni Apollinare mentre, al termine, i fedeli potranno baciare le reliquie del Santo Patrono di Ostuni che l’officiante avvicinerà alla gola per proteggerla.
Il programma civile dei festeggiamenti prevede, verso le ore 20,30, a cura della Casa della Musica-Associazione Mediterranea e promosso dall’Assessorato alle Attività Produttive, il concerto dei tre tenori.
Per la giornata di festa patronale, gli uffici comunali rimarranno chiusi per l’intera giornata così come tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?