Ostuni, Federica Troisi presenta il libro dal titolo: ‘Salvatore Bacile di Castiglione: un nomade salentino nell’Inghilterra vittoriana’

Federica TroisiVenerdì 21 febbraio, alle 17.30, alla Casa della Musica in Via Rossetti ad Ostuni verrà presentato il libro della scrittrice Federica Troisi dal titolo “Salvatore Bacile di Castiglione: un nomade salentino nell’Inghilterra vittoriana”. L’incontro è organizzato dal Rotary Club Ostuni-Valle d’Itria-Rosa Marina, presieduto dal dott. Antonio Muscogiuri.

Nota e significativa fu la presenza di viaggiatori stranieri in Italia, fino all’estrema regione pugliese, dal Settecento in poi. Meno nota, anzi del tutto sconosciuta per la nostra storia, è invece la presenza dei primi viaggiatori pugliesi nell’Inghilterra vittoriana, soggiogati dal fascino di Londra, come testimoniano i loro scritti presto dimenticati.
In questa scia, notevole è l’attualità delle annotazioni su Londra che stilò una figura versatile come Salvatore Bacile di Castiglione, appunti e considerazioni tanto attuali e d’interesse da indurre Federica Troisi a curarne la ristampa. Il libro diventa però anche una occasione per lumeggiare la complessa personalità dell’aristocratico nomade salentino.
Primogenito di un’antica e nobile famiglia, Salvatore Bacile di Castiglione diventa avvocato per volere paterno, ma depone presto i codici per dedicarsi ai viaggi e alla pittura. Disattendendo tutte le aspettative della propria casta riposte nel primogenito, il nostro viaggiatore deve subire una perdita, l’ostracismo della famiglia, ma, a un tempo, acquista la capacità di guardare l’Inghilterra, atteggiamento del tutto insolito all’epoca, con occhio critico e disincantato.

Federica Troisi, già ordinaria di Lingua e Letteratura inglese presso l’Università degli studi di Bari Aldo Moro, si è impegnata in vari settori della ricerca. Oltre l’ambito strettamente anglistico (“Metateatro”, “Troilo e Cressida”, “Commedie di J.R. Planché”, “Verdi e Shakespeare”, “Nietzsche e Shakespeare”, “Pinter e Magritte”) si è occupata dei rapporti anglo-italiani (“G. Zanella e la letteratura inglese”, “E.M. Forster e l’Italia”) e ha condotto la prima ricerca sulle relazioni anglo-pugliesi (“Shakespeare e la Puglia”, “Shakespeare nella stampa di Terra di Bari”, “La cultura inglese in Puglia tra Otto e Novecento”, “Annotazioni di viaggiatori pugliesi dell’Ottocento nell’Inghilterra vittoriana”).

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.