Insegnanti e genitori per un pozzo in Burkina Faso, nel nome di Piero Loparco

/ Autore:

Uncategorized


L'Uovo di Pasqua offerto dalla pasticceria MasielloUn pozzo di dolcezza per la vita

di Silvia Di Dio

La solidarietà vera ha una forza in grado di coinvolgere oltre ogni aspettativa. Ed insegna a stare vicini nel dolore costruendo nuova vita. Esempio ne sia il Comitato di insegnanti e genitori dell’Istituto Comprensivo n. 1 di San Vito dei Normanni, riunitosi nel nome di Piero Loparco, un ragazzo di 19 anni che non c’è più, per sostenere un sogno.

Notevolissimo il risultato ottenuto qualche settimana fa dalla scuola, che ha raccolto un’importante somma di denaro attraverso la lotteria “Un pozzo di dolcezza per la vita”. In palio un uovo di Pasqua offerto dalla pasticceria Masiello che con generosità ha subito voluto aderire, e che tutto il comitato ci tiene a ringraziare. Considerevole lo scopo della lotteria: sostenere il progetto di un pozzo in un centro socioeducativo del Burkina Faso in costruzione da anni, oggi a buon punto grazie anche al contributo di San Vito e di diversi Comuni del Brindisino. L’idea nata attorno alla maestra Rosa Iaia, mamma di Piero, va a sostenere la possibilità di una vita dignitosa per centinaia di ragazzi altrimenti costretti alla strada. Ma prima ancora, ci tengono a dire le insegnanti, è una delle tante belle iniziative che si faranno per tenere viva l’energia e l’amore per la vita di Piero.

Nello stato africano si è costretti a percorrere chilometri per prendere l’acqua, ed avere un pozzo significherà quindi consentire una vita migliore anche a molte famiglie dei villaggi vicini.

Il progetto nato nella scuola sanvitese è in piena sintonia con l’attività dell’associazione “L’albero del Baobab. Una scalata per la vita” intitolata a Domenico Loparco, cugino di Piero scomparso pochi mesi prima, a 37 anni. L’associazione fonda la propria essenza sul sostegno a progetti solidali e conta già diverse raccolte fondi per il centro africano, voluto dal giovane Adama Zoungrana, nato e cresciuto in Burkina e stabilitosi da tempo a San Vito.

Le insegnanti della scuola materna “Lanza del Vasto” ci tengono a ribadire la partecipazione condivisa di colleghe, mamme e papà di tutto l’istituto e dei collaboratori scolastici.

Una risposta carica di generosità da parte della comunità sanvitese ad un gesto non effimero, e all’impegno di un dolore che vuole diventare speranza.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?