Elezioni. Tonino Zurlo dedica una poesia

/ Autore:

Cultura, Elezioni 2014, Politica


Il poeta e cantautore ostunese Tonino Zurlo interviene nel dibattito elettorale dedicando una poesia rivisitata e recitata per l’occasione: Comme a nu suenne

Eccola:

CUMM’A NNU SUENNE

Credìteme! Na vve vogghje cunda’ ‘na puttanata

ma l’anda notte je Sande Ronze m’è sennàte;

je a lli sande ma’ agghje credùte

ma cusse suènne ‘ngàpe ‘nguna cosa m’ha mmevùte!

 

Stava sulu! E scavava ripa ripa a lla culònna

e tremendèva sotta ce jèra quadrata oppur fatta tonna;

a nnu certe punde nu marchengègne chera la spustàva

e da jùna, dopp dòje po’ devendàvan.

Pe llu spaviènde po’ m’agghje descetàtee

e chessa ì lla prima cosa c’ agghje penzàte:

“Madonna, cumme stòche cumbenàte,

lu mia a ddo’ me l’è tagghjàte!”

Lu giurne doppe sembe dda’ agghje penzàte

e a ngunun ‘stu fatte agghje cundàte.

La sera doppe, quanne m’è curcàte,

me vundàva e mme ggeràva

e ppàsce na’ pegghjàva.

M’era quase addermesciùte

e me sènde ‘ngàpe cumm nu farfallìsce:

 

“Toni’…Toni de Tribbì’, a tutte li stunìse tu ì scì ddìsce!”

 

“Ce ìte?”

 

“So’ Sande Ronze! Tegne pe’ tte ‘n’ambasciàta!”

 

“Mo’, Sande Ro’! Cu ttanda prefessùre, dottùre e avvucàte

ghjùste ghjùste a mme’ m’vuè dda’ ‘sta patana scaudata?”

 

“Lu sacce ca picca tu ì studiate e sì pur nnu buène fessa!”

 

“Buène fessa!?”

 

“Sin, ma sì ll’ùneche angora ca na t’on fatt llèsse!”

 

“Mo’, Sande Ro’ làsseme pèrde!”

 

“Làsseme pèrde? Je da treciènde anne na lla fazze cchju’!

Ce na llu dìsce tuje, ce l’av’a scì dìsce muje?

T’è fatte scava’ je ripa ripa alla culònna

pe’ vvète li darecàte

ce so’ vvèrde o pure sònde spruscenàte.

A ce ha cumannàte, sèmbe a lli tazze e tazzun lore one penzàte.

Pe’ lli puverièdde,chìre, maje nesciùne s’ha ‘nteressàte!

Na vvìte chìre mu’?Tutte sànde so’ devendàte!

E a ll’appellu ‘ngièlu nesciùne s’ha presendàte!

Madonna! Quanda sande, sandìne e sandòne one stambàte;

chìre cose sèmbe li fessa l’one pajàte!

Ce acchjàte po’ nu sandòne cu sobba scritte:

“Benessere, sicurezza e libertà” e lu vutàte,

sìte frìtte…perce’ cuss, cu stu tazzon de libertà,

l’Italia l’ha fatta speca’

e ì devendàta ‘na spàtela de baccala’!”

 

“Si, dillu, dillu ca quanne nu nascìme sìme tutte a lla nuta

e so’ lli fessa e li fessùne ca sèmbe li furbe one vestùte.

Eppure lu sàpene ca Cumba’ Frangìsche pe devenda’ sande

cur se spegghjo’ a lla nuta,

sse luo’ persin li mutande!

Stavònda tutte a lla nuta ima scì vvuta’

dacchessìca n’ima vvervegna’

e nesciùne s’av’a ppresenda’!”

 

“Mo’, Sande Ro’…ce ve’ ‘mbrièche?

Ce tte crìde ca stàme ‘mbaravìse?

Agghja sci a cunta fessarie a tutt li Stunis.

T n’i si sciut nu picca a ll’acit?

Mu’ li stunìse on’a scì vvuta’

però stavònda cu lla cape lore on’a ppenza’

On’a mett lu gnegner!”

 

“C vol dir gnegner?”

 

“Lu Gnegner vol dir ca on’a metté li sendemende ;

tutt’al più… a cce av’a ccumannaje

Cure,stavònda, a lla nuta s’av’a ppresendàje!”

 

Mu’ penzànne me dìche:

ì Sande Ronze o la cusciènza?

…ì Sande Ronze o la cusciènza?…

O ì jùne ca cu lla càpe sova pènza?

E mu’ ca scià vvutat’,

ce v’ì rremàsta ‘na cusciènza,

spògghjètee e cu lla càpe tova pènza!

 

COME UN SOGNO

Credetemi non voglio raccontarvi bugie.

L’altra notte ho sognato S.Oronzo;

io ai santi non ho mai creduto,

ma questo sogno mi ha smosso qualcosa in testa.

 

Ero da solo e scavavo attorno alla Colonna;

guardavo se la sua base era quadrata o se fosse diventata tonda,

ad un certo punto, un marchingegno la spostava

così io, due colonne al posto di una trovavo.

Per lo spavento mi sono svegliato

ed è questa la prima cosa che ho pensato:

“Madonna, come sto combinato…

mi sento… come dire… castrato!”

Il giorno dopo al sogno ho ripensato

e a qualcuno l’ho raccontato.

La sera dopo, quando sono andato a letto,

mi giravo e rigiravo,

non riuscivo ad avere pace.

Mi ero quasi addormentato

e sento nella testa una voce:

 

“Toni’… Toni’ di Tribbì… tu devi riferire qualcosa a tutti gli ostunesi!

 

“Chi è?”

 

“Sono S.Oronzo, ho per te un’ ambasciata!”

 

“Sant’ Oro’! Con tanti professori, dottori, avvocati

proprio a me dovevi dare questa patata bollente?”.

 

“Lo so che hai studiato poco e sei un… buon fesso…”

 

“Un buon fesso!?”

 

“Si,ma sei l’unico che ancora non hanno fatto…lesso”

 

“Sant’ Oro’ lasciami perdere”

 

“Lasciami perdere? Io da trecento anni… non ne posso più…

se non lo dici tu a chi devo rivolgermi ora?

Ti ho fatto scavare intorno alla colonna

per vedere se la mia radice

è ancora verde o si è deteriorata.

Quelli che hanno comandato sempre a ‘tazze’ e ‘tazzoni’ loro hanno pensato

e dei poveri mai nessuno si è interessato.

Non vedi? Quelli tutti santi sono diventati

e, all’ appello in Cielo, nessuno si è presentato.

Madonna! Quanti santi, santini e santoni hanno stampato;

sono cose che sempre i fessi hanno pagato.

E se trovate un santino con su scritto:

“Benessere, Sicurezza, e Libertà” e lo votate,

siete fritti…perché con l’impegno di questa ‘tazza’ di libertà l’Italia

l’ha fatta sfiorire

ed è diventata come una spatola di baccalà”.

 

“Si, dillo tu che quando nasciamo siamo tutti nudi…

e sono i fessi e i fessoni… che hanno vestito i furbi.

Eppure tutti sanno che compare Francesco, per diventare Santo

si spogliò nudo,

si tolse persino le mutande!

Questa volta tutti nudi dobbiamo andare a votare

così ci vergogneremo

e nessuno si presenterà”.

 

“Sant’ Oro’… sei ubriaco?

Credi di stare in Paradiso?

Ora stai dicendo una ‘fesseria’ a tutti gli ostunesi.

Sei uscito di senno?

Ora gli ostunesi devono andare a votare,

però questa volta, con la loro testa devono pensare!

Ci devono mettere ‘gnegner’”

 

“Che vuol dire ‘gnegner’?”

 

“Gnegner vuol dire metterci sentimento;

tutt’al più ..chi deve governare…

quello si, questa volta, nudo si deve presentare!”.

 

Ora, ripensando, mi dico:

è Sant’Oronzo o la mia coscienza?

E’ Sant’Oronzo o la mia coscienza?

O è uno che con la sua testa pensa?

Ora che devi andare a votare

se ti è rimasta una coscienza

SPOGLIATI! E con la tua testa… pensa!

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?