Il primo Albergabici pugliese è di Ostuni

/ Autore:

Società


Inaugurato nella mattinata di ieri il primo Albergabici della regione Puglia. L’ex casa cantoniera dell’Anas, posta sulla statale 16 Ostuni-Fasano, è stata ristrutturata per dare spazio a un nuovo piccolo e rinnovato albergo dedicato al cicloturismo. La struttura è stata acquisita dal Comune di Ostuni e gestita dai responsabili del Parco delle Dune Costiere; un altro tassello importante in termini di turismo è stato completato dall’ amministrazione a capo del sindaco Domenico Tanzarella, che avviene a pochi giorni dalla firma del protocollo del Sistema Turistico Locale. Presenti al taglio del nastro dell’Albergabici, che comprende 20 posti letto, oltre a un deposito per riparazione e lavaggio delle biciclette, il sindaco del Comune di Ostuni Domenico Tanzarella, il vice-sindaco di Fasano Gianleo Moncalvo, l’assessore regionale all’agricoltura Fabrizio Nardoni e i responsabili del Parco delle Dune Costiere, nonché gestori dell’Albergabici Giulia Anglani e Gianfranco Ciola.

Ecco le prime del sindaco di Ostuni Domenico Tanzarella: “ Si realizza un altro tassello di questo progetto che sta dando i suoi frutti a tutti i livelli; il Parco delle Dune Costiere è un esempio di buone pratiche, di tutela, di conservazione e di valorizzazione di questo marchio e di questa realtà. Una struttura del genere farà del parco e della zona costiera, che comprende circa 30 km di piste ciclabili, rappresenta una forma di attrattiva, un riferimento importante per tutti gli appassionati di ciclismo; è una struttura meravigliosa e voglio ringraziare tutti quelli che hanno diretto e progettato questa struttura, che ci mettono la passione come Gianfranco Ciola che sono l’anima in queste iniziative.” Anche Gianleo Moncalvo è sulla stessa linea d’onda del sindaco ostunese:  “Si tratta di una bella iniziativa che comprende i territori di Fasano e Ostuni, che ci unisce e che nel suo complesso ci aiuta a promuovere il turismo in senso positivo.”

“Il turismo è in costante crescita, sono state fatte delle politiche a riguardo, il fatto di aver ristrutturato la via Traiana, che percorre tutta la piana degli ulivi secolari da Fasano a Ostuni” – afferma Gianfranco Ciola – Il fatto di aver recuperato circa sei anni fa l’ex stazione di Fontevecchia che ospita la casa del parco. Questo importante centro che ha supporto dei ciclisti e di chi fa cicloturismo, di chi fa percorsi di lunga percorrenza; chi viene dal Nord Europa potrà trovare l’unico centro in Puglia in cui è annesso un’officina per le bici, poter alloggiare e fare una colazione continentale, energetica per chi va in bici. In generale è un centro dedicato a un turismo italiano e straniero, per chi sceglie di fare una vacanza tranquilla, sostenibile, conoscendo il patrimonio che ci ritroviamo sotto i piedi e che il parco cerca di custodire ogni giorno.”

Anche Nardoni è soddisfatto del primo Albergabici realizzato in Puglia: “La regione ha dato la possibilità ai turisti ciclistici la possibilità di svolgere questo turismo grazie al fatto di poter usufruire della ferrovia in maniera gratuita, considerata la vicinanza della stazione ferroviaria all’Albergabici. La Puglia è la prima regione che cerca di sfruttare come mezzo di trasporto la bicicletta, permettendo di conoscere luoghi e patrimoni della nostra regione, che pone grande attenzione. Questa parte della Puglia, e in particolare Ostuni, è particolarmente attrattiva e rappresenta un momento importante per il turismo, grazie anche alle attività che mette in campo l’amministrazione comunale e noi siamo orgogliosi di essere qui nell’inaugurare questa struttura.”

 

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?