Mariani: “Sono in grado di guardare al futuro”

/ Autore:

Elezioni 2014, Politica



A pochi giorni dalla fine della campagna elettorale e dal voto del 25 maggio, la redazione ha voluto porre cinque domande ai cinque candidati sindaci della città di Ostuni. Alcune risposte sono uguali, mentre altre si differenziano.

–         1. Come ritroverà Ostuni fra 10 anni?

Ostuni sarà una città diversa se in grado di dare un cambiamento a livello politico e amministrativo; è in grado di selezionare delle menti nuove e giovani capaci di guardare al futuro, mettendo i pensionati difficilmente ci sarà un cambiamento, che parlano delle stesse cose, di uno sviluppo basato sul cemento, sull’edilizia, uno sviluppo che ha dato già prova inconfutabile del suo totale declino.

–         2. Quali sono le cose che non vanno a Ostuni?

Sono tante le cose che non vanno, non va la macchina amministrativa fatto di regolamenti incomprensibili, di mille vincoli per i cittadini normali. Una macchina amministrativa che noi vogliamo innovare e sburocratizzare. Un’amministrazione che deve essere alla portata di tutti i cittadini. Per questo abbiamo previsto tre squadre, uno staff di giovani che avranno tre compiti: sburocratizzazione e innovazione della macchina amministrativa, marketing territoriale spinto e reperire tutte le fonti di finanziamento.

–         3. Cosa ha di diverso rispetto agli altri sindaci?

Sono in grado di guardare al futuro e non verso il passato fatto di palazzi, hotel, sulla cementificazione in generale. Noi dobbiamo sviluppare delle economie locali basate sull’innovazione.

–         4. Chi non dovrebbe votarla?

Non dovrebbe votarmi chi pensa al proprio figlio da sistemare, chi pensa che bisogna chiedere i favori e non pretendere i diritti, chi pensa che deve costruire nuovi palazzi. Tutta questa gente non ci voterà.

–         5. La prima cosa che farà per Ostuni se verrà eletto sindaco?

La prima cosa sarà mettere mano al decoro, non esiste il fatto che i turisti vengano a Ostuni e trovano una pattumiera. Il giorno dopo l’insediamento si chiama subito il responsabile della ditta dell’igiene urbana e si fa un piano per l’estate prevedendo diverse squadre per l’affluenza, per il ritiro della spazzatura nelle campagne, ecc.


commenti

1 Commento

E tu cosa ne pensi?


Commenti

  • Vito Pastore ha detto:

    Florido si ripresenta a Martina dopo 8 anni. Ma i Martinesi non hanno dimenticato la perdita del finanziamento della Martina-Alberobello voluto da Cantore.
    Ora Florido torna e ci dice che non ci sono fondi per la circonvallazione. Bella faccia tosta, sua e di chi lo accompagna.