Coppola: “Dedico questa mia vittoria ai due marò in India”

Dopo 12 anni la Città Bianca ha un nuovo sindaco: si chiama Gianfranco Coppola. E’ avvenuta pochi minuti fa la conferenza stampa per la proclamazione del nuovo sindaco, nella sala di palazzo San Francesco gremita di gente, con la consegna della fascia tricolore, alla presenza del presidente dell’ufficio elettorale centrale, Giovanni Surdo. Alle ore 20 in Piazza della Libertà è previsto anche un comizio di ringraziamento pubblico di Gianfranco Coppola a tutti i cittadini che lo hanno acclamato e votato durante la sua lunga ed estenuante campagna elettorale, che ha portato però al suo avvento.

Ecco le prime parole di Gianfranco Coppola, neo-sindaco di Ostuni: “Siamo riusciti in un impresa che sembrava impossibile, ma ce l’abbiamo fatta. E’ un momento di gioia, ma da domani cominceremo a lavorare perché dopo la gioia, iniziano le responsabilità che i cittadini ci hanno affibbiato, grazie alla nostra campagna elettorale e alla loro affidabilità.”

Poi dedica la sua vittoria ai due marò arrestati in India e alla sua famiglia: “Dedico questa mia proclamazione ai due fucilieri di Marina che sono in India e che io ho cresciuto durante la mia vita militare; gli ho sentiti qualche ora fa, congratulandosi con me; per certi versi l’ho fatto anche per loro perché è importante tenere alta la guardia. Mai dimenticarsi, mai lasciare nessuno indietro e questo è uno dei principi della mia vita militare, abbastanza lunga e movimentata. Durante la mia campagna elettorale non ho voluto ricordarli per non speculare sulla mia questione politica, ma adesso questa vittoria è anche e sopratutto per loro. Dedico questa proclamazione anche alla mia famiglia, che mi è stata vicina fino a pochi giorni fa, dandomi coraggio anche nei momenti di sconforto, soprattutto durante la mia campagna elettorale.”

Infine conclude la conferenza stampa sul nuovo ruolo,stupendo ma dispendioso: “Io mi auguro di essere all’altezza di questo compito stupendo, onorevole, ma allo stesso tempo oneroso. La situazione  è particolare in Italia e nel mondo. Mi rendo conto di essere salito in sella di un cavallo che è sfinito e cercherò di farlo riprendere. Per questo ringrazio tutti del voto e cercherò di fare del mio meglio.”  Il cambiamento invocato per Ostuni e per gli ostunesi che abbia inizio.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.