Chi farà parte della giunta del generale?

/ Autore:

Politica


A pochi giorni dalla sua elezione a sindaco di Ostuni e dalla proclamazione presso il palazzo di città, Gianfranco Coppola sta lavorando per formare la giunta che lo affiancherà per i prossimi, cinque anni, che già partono in salita perchè sarà necessario per il generale lavorare per le larghe intese pure di avere la maggioranza consiliare. Un altro vulnus è comunque la giunta,

Però, secondo fonti vicine al sindaco, l’unico che potrebbe essere sicuro di ricevere un assessorato è Pierangelo Buongiorno, professore di diritto romano della facoltà di giurisprudenza dell’Università di Lecce . Potrebbe essere lui l’assessore esterno, il quale potrebbe assumere l’incarico di assessore alla cultura.

E il resto?

Quelli che potrebbero fare parte della giunta sarebbero coloro che hanno ricevuto più voti nelle loro liste. Gianfranco Coppola li potrebbe premiare. E quindi i partiti di Forza Italia e liste civiche Ostuni Tricolore, Noi Ora e Coppola Sindaco per il Cambiamento. Da quanto si potrebbe dedurre i più suffragati e quindi consiglieri uscenti, cioè Guglielmo Cavallo, Antonio Molentino, Margherita Penta e Giovanni Fedele, potrebbero assumere incarichi di assessore. Un altro nome accostato in queste ore è Claudio Peciccia. Candidato consigliere del lista Schittulli, ma che è fuori dai banchi del consiglio comunale, Peciccia potrebbe assumere addirittura la carica di vice-sindaco.

Siccome il problema della maggioranza consiliare è il primo ostacolo da affrontare per Coppola, che dovrà cercare consensi anche tra le file dei suoi avversari elettorali, affidare una delega assessorile ad una lista del centrosinistra potrebbe essere una prospettiva abbastanza concreta.

Spetta a loro decidere, perché questi nomi, una volta accettato l’incarico di assessore, lasceranno i banchi del consiglio comunale. Una scelta prestigiosa, ma allo stesso tempo difficile, perchè metterebbero il loro futuro politico nelle mani del sindaco.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?