“La maggioranza non ha più i numeri per governare”: l’opposizione sanvitese commenta il rinvio del Consiglio comunale

/ Autore:

Cronaca


 

Totale incapacità a deliberare su argomenti di estrema importanza”: questa la motivazione che avrebbe portato l’opposizione consiliare sanvitese, seppure interamente presente, a non partecipare all’assise comunale convocata in prima convocazione ieri, 2 settembre.

Siamo di fronte ad una maggioranza debole e ormai alla deriva amministrativa – si legge nel comunicato stampa diffuso stamane dall’opposizione sanvitese  – E siamo costretti nuovamente a stigmatizzare come forze politiche di opposizione in Consiglio Comunale P.D.- SEL – IDV- Silvana Errico – Movimento Politico Schittulli, la progressiva disgregazione della maggioranza consiliare la quale non ha più i numeri per governare. Per questo motivo, pur essendo i nostri gruppi tutti presenti, abbiamo ritenuto di non partecipare all’appello”.

Le forze di minoranza del Consiglio comunale sanvitese, in definitiva, non hanno ritenuto in alcun modo accettabile l’assenza di alcuni membri di una  maggioranza “ormai legata a numeri così risicati che non può permettersi alcuna assenza anche se giustificata”, commentano. Una mancanza, a lor dire, ancor meno giustificabile se si pensa all’importanza dell’Ordine del Giorno che prevedeva, tra l’altro, l’approvazione delle aliquote riferite alla tassa sui servizi indivisibili (TASI).

Inoltre a tutt’oggi non è possibile conoscere le scelte relative al bilancio di previsione 2014 propedeutico alla migliore definizione dei costi dei servizi che graveranno sui cittadini – scrivono gli esponenti d’opposizione – Come rappresentanti dei cittadini non possiamo che esprimere tutto il nostro disagio di fronte ad una maggioranza che dimostra quotidianamente di non avere a cuore il bene della città”.

Il comunicato stampa diffuso è a firma dei consiglieri Cataldo Greco, Valerio Longo, Giuseppe Masiello, Vincenzo Sardelli, Alessandro Argentieri, Silvana Errico, Giuseppe Di Viesto, Grappo D’Agnano, Angelo Piccigallo.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?