Appello dell’amministrazione comunale sull’organizzazione di eventi: “Bisogna munirsi delle autorizzazioni previste dalla normativa

/ Autore:

Società


Riceviamo e pubblichiamo:

“La stagione estiva appena conclusa ha evidenziato in maniera ancora più significativa l’appeal che Città di Ostuni riveste nel panorama turistico nazionale ed internazionale”. Comincia così una nota firmata dal Sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola e dall’assessore al Commercio e alle attività produttive, Claudia Trifan.

“Per rendere ancora più attrattivo il nostro territorio” si legge nella nota “l’Amministrazione Comunale ha organizzato direttamente, ma anche patrocinato e sostenuto manifestazioni ed iniziative di carattere musicale, culturale e ricreativo organizzate da associazioni o imprenditori locali.

E’ stato constatato, peraltro, che talvolta gli organizzatori hanno considerato l’autorizzazione da parte dell’Amministrazione Comunale alle iniziative quale condizione necessaria e sufficiente per lo svolgimento delle manifestazioni.

In realtà, come è noto, l’autorizzazione data da parte del Sindaco ad una manifestazione costituisce solo ed unicamente il gradimento dell’Amministrazione Comunale allo svolgimento della manifestazione medesima, senza che ciò possa sostituire tutte le altre autorizzazioni eventualmente necessarie ai sensi delle vigenti disposizioni legislative in materia.

Si invitano pertanto tutti coloro che intendono organizzare manifestazioni, intrattenimenti, eventi di qualsiasi natura, dopo aver ottenuto l’autorizzazione del Sindaco che, si ripete, costituisce unicamente il presupposto per lo svolgimento delle manifestazioni, a rivolgersi presso l’Ufficio “Attività Produttive e Culturali, Sport e Turismo” per la predisposizione di tutti gli atti eventualmente necessari.

Ciò eviterà che le attività vengano svolte in maniera non regolare con le possibili sgradevoli conseguenze in sede di accertamento da parte delle forze dell’ordine deputate al controllo del territorio”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?