Gli uffici comunali verrano trasferiti nell’ex Tribunale. Cavallo: “Vantaggio per dipendenti e cittadini”

/ Autore:

Politica, Società


Riceviamo e pubblichiamo:

Nei giorni scorsi L’Amministrazione Comunale ha effettuato un sopralluogo dei locali dell’ex Tribunale, siti in via Filangieri.

Nell’occasione, la delegazione del Comune, composta dal Vice Sindaco Guglielmo Cavallo, dall’Assessore all’Urbanistica e ai LL.PP. Paolo Pinna e dai dirigenti della Polizia Municipale e del Personale, oltre a prendere contezza dello stato dei luoghi, ha incontrato il Dirigente Amministrativo del Tribunale di Brindisi Sergio Montanaro, con cui sono stati concordati tempi e modi di sgombero dei locali dalle suppellettili appartenenti all’Amministrazione della Giustizia.

L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è chiaro: spostare parte consistenti dei Servizi Comunali presso gli Uffici che furono prima della Pretura Mandamentale e poi della Sezione Distaccata del Tribunale.

In particolare, nel giro di pochi mesi, al piano terra dell’immobile di Via Filangieri dovrebbero essere dislocati tutti quei servizi che oggi sono ubicati sul perimetro del chiostro San Francesco, e cioè lo Stato Civile, l’Anagrafe e i Servizi Elettorali, mentre al primo piano dovrebbe insediarsi l’intero Comando della Polizia Municipale, che con lo spostamento, guadagnerebbe un ampio parcheggio ove collocare tutti i mezzi di Servizio.

Al secondo piano, invece, in attesa del trasferimento a Brindisi anche del Giudice di Pace, è allo studio lo spostamento dl altri uffici comunali.

“Riteniamo che lo spostamento degli uffici porterà vantaggi sia ai dipendenti comunali che ai cittadini” afferma il Vice Sindaco Cavallo “il personale opererà all’interno di locali più idonei e l’utenza potrà usufruire dei servizi comunali presso una struttura più facile da raggiungere e dove è sicuramente più semplice trovare parcheggio. Raggiungeremo anche l’obiettivo di decongestionare il traffico nelle vicinanze di Piazza della libertà”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?