Reliquie di Santa Bernadette e inaugurazione sede Unitalsi, bagno di folla tra i presenti

Un autentico bagno di folla ha accompagnato l’arrivo delle Reliquie di Santa Bernadette ad Ostuni in occasione del X anniversario della nascita del Gruppo Unitalsi di Ostuni e della inaugurazione della nuova sede del gruppo in via Luisa Sanfelice.

La teca contenente le reliquie è arrivata nella Città Bianca nella tarda serata di giovedì 19 febbraio ed ha raggiunto il Santuario dei SS. Medici dove una folla commossa di fedeli ne ha festeggiato l’arrivo. La veglia di preghiera animata dai volontari dell’Unitalsi e dai giovani della Vicaria è stato un momento unico di meditazione che ha accompato fino a notte fonda la reliquia della pastorella che nel 1858 a Lourdes vide la Vergine Maria.

La mattinata di venerdì è stata interamente dedicata alle scuole elementari e medie accolte presso la Chiesa dei Santi Medici dal parroco, Don Paolo Zofra e dai volontari Unitalsi. Quasi 2mila studenti hanno conosciuto la storia delle apparizioni di Lourdes e toccato la reliquia di Santa Bernadette. In dono a studenti ed insegnanti una immaginetta di Santa Bernadette in ricordo del passa che è anche assistente diocesano Unitalsi.

Nel primo pomeriggio la teca contenente le Reliquie ha raggiunto i luoghi di cura. In primis l’Ospedale Civile dove, il direttore sanitario, Cataldo Saracino, ha accolto Don Paolo Zofra ed i volontari Unitalsi ed accompagnato le reliquie preso tutti i pazienti e gli operatori sanitari della struttura ospedaliera.

Il viaggio delle reliquie è proseguito presso la Nostra Famiglia, un luogo dove la devozione nei confronti della Vergine di Lourdes e di Santa Bernadette è fortissima. Piccoli pazienti ed operatori hanno accolto con una gioia infinita la pastorella che tanto amava i bambini e gli ammalati.

Tanta emozione anche tra i pazienti della Rsa San Raffaele e delle Case di riposo, Il Focolare e Pinto. Lacrime di gioia per una visita inaspettata e tanto gradita.

La teca contenente la reliquia è poi tornata presso il Santuario dei Santi Medici dove c’è stata la recita del Santo Rosario meditato con Santa Bernadette e la Santa Messa presieduta da Don Danilo Priori, vice-assistente nazionale Unitalsi.

Dopo il bacio della reliquia il trasferimento in via Luisa Sanfelice, angolo piazza Itailia, dove si è svolta la cerimonia di inaugurazione della nuova sede Unitalsi di Ostuni ed intitolazione al dott. Olindo Guagliani, medico tisio-pneumologo scomparso nel 2003.

La nuova sede è stata inaugurata dal presidente nazionale Unitalsi Salvatore Pagliuca e dal Sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola alla presenza del presidente regionale Unitalsi, Palma Guida. Diversi gli interventi tra cui quello dell’avv. Aldo Guagliani, fratello di Olindo che ha voluto ringraziare l’Unitalsi per questa decisione che onora la memoria di un medico sempre attento ai pazienti in particolare di chi era in condizioni di indigenza.

La tre giorni dedicata all’Unitalsi si è conclusa sabato mattina con una conferenza presso il Liceo Classico di Ostuni. “Il rapporto tra giovani, Unitalsi e disabilità”. Può essere così sintetizzato un incontro che è stato introdotto dalla proiezione del filmato sull’ultimo pellegrinaggio giovani a Lourdes.

Una tre giorni davvero emozionante per la Città di Ostuni. Le oltre 5mila immaginette stampate per l’evento sono andate letteralmente a ruba confermando numeri decisamente al di sopra delle aspettative. Ma se i numeri confermano la portata della devozione dei fedeli nei confronti di Santa Bernadette e della Vergine di Lourdes, quello che ha colpito maggiormente è stata la commozione ed il silenzio che ha accompagnato tutti i momenti di preghiera anche di quelli che hanno visti protagonisti i bambini.

Per l’Unitalsi è solo l’inizio di un cammino lungo e faticoso. A partire dalla giornata nazionale del 14-15 marzo prossimi fino al pellegrinaggio al Lourdes con il Treno Bianco e con l’Aereo in programma dal 5 al 10 settemre.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.