Assistenza anziani, Area Popolare: "Subito un odg contro la sospensione. Episodio increscioso"

/ Autore:

Politica, Società



Il consigliere comunale di Area Popolare Antonio Fumarola interviene sul caso legato alla sospensione del servizio domiciliare di assistenza sociale agli anziani, di cui abbiamo parlato già questa mattina (leggi QUI):

La sospensione del servizio domiciliare per l’assistenza sociale agli anziani della nostra città è l’ennesima dimostrazione di quanto sia superficiale l’interesse, da parte dell’amministrazione comunale in favore delle politiche sociali ancora da sviluppare nel nostro territorio, dopo tre anni di proclami. Da mercoledì 11 p.v., la cooperativa Nuova Luce sarà costretta a sospendere il servizio in attesa di sottoscrivere il nuovo contratto dopo proroghe da parte della stessa amministrazione Ancona (dal 2013). E’ anche vero che il SAD erogato spetta ad una cooperativa, questa facente parte del consorzio PrivatAssistenza, e che la convocazione per la firma del nuovo contratto non è stato per tempo comunicata. Parliamo di una gara che due anni fa è stata regolarmente vinta per l’ambito di zona Martina Franca – Crispiano e che, il sottoscritto ha seguito da vicino l’evolversi della situazione tanto da sollecitare le istituzioni comunali ad agire per tempo.

Ora si palesa una preoccupante situazione che forse vedrà per giorni sospeso questo importante servizio domiciliare a cui decine di anziani della nostra città fanno riferimento per la loro sussistenza quotidiana. Nei prossimi giorni, presenterò un ordine del giorno in Consiglio Comunale su questo increscioso episodio, sempre se in tempi ragionevoli, nel frattempo di riunire l’assise per il 19 p.v., non si sottoscriva il nuovo contratto per il ripristino del SAD.

L’odg, tra le altre cose, richiede:

  • Di incaricare la Giunta Comunale ad individuare l’area edificabile in cui sorgerà la cucina comunale e successivamente di riferire in Consiglio Comunale la stessa riguardante il lotto;
  • Di dare mandato al Dirigente competente a redigere un bando per avvio lavori di edificazione della cucina comunale e relativo bando di gara al fine di attrezzare la struttura in questione;
  • Di deliberare affinché l’Amministrazione Comunale provveda con l’indirizzo necessario affinché sia risolta, con l’iter sopra designato, la faccenda del disservizio qualitativo denunciato dalle famiglie martinesi.

 


commenti

E tu cosa ne pensi?