Art against Racism, gli eventi della Fondazione Grassi

/ Autore:

Cultura, Società



Giovedì 12 e venerdì 13 marzo l’Associazione Culturale Zerovolante presenta l’iniziativa artistica “ART AGAINST RACISM”, nell’ambito della settimana di sensibilizzazione sui temi del razzismo, prevista dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dall’ANCI. Di seguito nota della Fondazione Paolo Grassi:

Il progetto, ideato e promosso con la partecipazione della Cooperativa Sociale Spazi Nuovi e patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Martina Franca, consiste in una due giorni di eventi artistici, che spaziano dal teatro d’immagine ad una mostra pittorica, nei quali, attraverso la forza espressiva di forme drammaturgiche e figurative, si afferma il ripudio di ogni forma di discriminazione e violenza. Nello specifico il progetto prevede la rappresentazione dello spettacolo “Io Ricordo”, imperniato sul tema della shoah, scritto e diretto da Venere Rotelli e interpretato magistralmente da 9 utenti del Centro Diurno Basaglia di Lama. “Io Ricordo”presenta un’originale studio scenico in cui si giustappongono azione emotiva e ricostruzione storica di un percorso della memoria. Lo spunto a cui si fa riferimento è quello notissimo e drammatico del massacro degli ebrei durante l’egemonia nazista in Europa.
Allo spettacolo un breve estratto teatrale de “Il mendicante di emozioni”, monologo scritto e interpretato dall’attore e regista Raffaele Zanframundo, sul tema dell’assenza di empatia e compassione umana verso il diverso.

Gli interventi saranno replicati, presso la sala teatrale della Fondazione Paolo Grassi, come matinée per le scuole giovedì 12 marzo alle ore 11.00, mentre il serale è fissato per le ore 19.30. Nel corso delle due giornate, sempre presso la sede della Fondazione, sarà aperta al pubblico, dalle ore 10 alle ore 21, la mostra “Guerra & Pace” di Irina Hale, con l’allestimento a cura di Paolo Del Gaudio. La mostra consiste in circa 40 opere realizzate soprattutto con materiali da riciclo su supporti di cartone create per testimoniare le due facce di una stessa medaglia: quella oscura e tenebrosa della terra violata da guerre ed ingiustizie, della sofferenza di poveri ed innocenti e quella della cosiddetta “normalità” dove tutto scorre perseguendo interessi personali e attività che sembrano di natura pacifica.


commenti

E tu cosa ne pensi?