Ho fatto 13! (al Totocalcio): giovedì la presentazione del libro sul caso Martino Scialpi-CO

/ Autore:

Società


34 anni di attese, processi e vittorie del sig. Martino Scialpi nel libro di Dino Cassone, che sarà presentato nei prossimi giorni in alcune città della Valle d’Itria:

34 anni di processi subiti, tutti superati con formula piena, ed il pagamento una vincita al Totocalcio che è attesa dal 1° novembre 1981: questa è l’odissea di Martino Scialpi che da quella data trascorre la sua vita tra vari tribunali per difendersi da accuse dalle quali ne è sempre uscito indenne. E tutto questo, insieme al racconto personale delle sofferenze che questa storia gli ha provocato a livello familiare, lavorativo e sociale, è raccontato in un libro. “Ho fatto 13!” a cura di Dino Cassone, giornalista professionista ed autore, ed edito da Schena Editore racconta la trafila giudiziaria e personale di Martino Scialpi e di quanti in questi anni lo hanno affiancato.

Il protagonista è lui, un semplice cittadino. Il suo antagonista, invece, è il CONI con le varie dirigenze e CdA che si sono avvicendante nel corso di questi 34 anni.

Queste le date della presentazione del libro.

  • 4 giugno 2015 – ore 18.30 – Martina Franca – Sala degli Uccelli – Palazzo Ducale
  • 9 giugno 2015 – ore 18.30 – Ostuni – Auditorium “G. Semeraro” – via Rodio
  • 11 giugno 2015 – ore 18.30 – Fasano – Sala di Rappresentanza – Palazzo di Città

TRAMA – La storia è semplice, ma al tempo stesso, molto complicata. Martino Scialpi ha giocato una schedina al totocalcio il 1° novembre 1981. Gli viene contestata la vincita, la giocata, la correttezza: accusato di falso e di truffa viene assolto nel 1987 e la sentenza del Tribunale di Taranto dello stesso anno riconosce la correttezza della giocata, l’autenticità della schedina e il diritto alla riscossione della vincita. Ma sono passati tanti anni ed ancora il CONI non riconosce il dovuto. Del caso si è occupata ultimamente la trasmissione de Le Iene e prima I Fatti Vostri e Mi manda Rai 3.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?