Riunione pro Locus Festival. Antonelli: “Se il paese vuole crescere lo deve fare solo con l’ausilio di tutti”

/ Autore:

Politica


Questo pomeriggio nella sala consiliare del comune di Locorotondo si è tenuta una riunione tra l’amministrazione e i commerciati della città per cominciare a organizzare e promuovere il Locus Festival.

 “Consuetudine vuole – ha commentato Claudio Antonelli, vice sindaco con delega al Turismo, Spettacolo, Cultura, Sport, Commercio e Politiche Giovanili-  che ogni anno invitiamo tutte le attività commerciali per illustrare il programma del Locus e quale può essere il loro tornaconto dal punto di vista economico. Iniziative come per esempio la Locus card o la  partecipazione al marketing del Festival;  perché per noi  questo evento è un contenitore aperto dove chiunque può parteciparvi con sponsorizzazioni”.

Ricordiamo che l’anno scorso per esempio il Docks 101 ha acquistato alcuni spettacoli durante i giorni dell’evento, quest’anno molto probabilmente lo faranno il bar Barba Baffi e Pellicce e la Locosteria che hanno intenzione appunto di ospitare degli spettacoli extra che saranno svolti o prima o dopo gli eventi principali.

Quest’anno ci si aspetta il boom di presenze non solo per lo sponsor che come si sa è l’Audi, ma anche per gli artisti in calendario, un parterre davvero invidiabile che vanta nomi come Bilal, George Clinton, Lamb, De La Soul e molti altri. Inoltre, ci saranno vari eventi prima e dopo il Festival vero e proprio come  quello del 10 luglio che coinvolgerà tutta la Valle d’Itria con una mongolfiera e con una proiezione di video mapping sullo skyline.

“L’unica delusione per me – ha concluso Antonelli-  resta la partecipazione bassissima a questa riunione  da parte dei commercianti, dovuta molto probabilmente alla comodità di sapere che il nostro Comune comunque organizza il Festival. Questo non è positivo perché dovrebbero essere loro a sentirsi coinvolti in prima persona, alla fine noi diamo gli strumenti però nel contenitore che noi stiamo offrendo dovrebbero metterci anche i loro contenuti. Oggi eravamo in dieci ma ad essere invitati erano oltre trenta attività commerciali. Se il paese vuole crescere lo deve fare solo con l’ausilio di tutti”.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?