Ciao Alessandro

/ Autore:

Cronaca


Non ce l’ha fatta Alessandro Morricella il giocatore dell’Acqua&Sapone  investito dal getto di ghisa incandescente  nello stabilimento siderurgico tarantino. Trasportato d’urgenza prima al Perrino di Brindisi e poi ricoverato da lunedì sera al Policlinico di Bari ha smesso di lottare.  Alessadro, un trentaquattrenne, padre di famiglia, due bambine e una moglie. Il centrale dell’Acqua&Sapone è morto per poco più di 1000 euro al mese. E allora ci domandiamo se ancora  possibile nel 2015 morire per il proprio lavoro.

La nostra redazione si stringe alla famiglia che ha perso un padre e un marito.

Ciao Alessandro.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?