Omicidio Brigida, domani Corte d’Assise per i 6 imputati

/ Autore:

Cronaca


Giorni importanti nel caso Annina Brigida, l’anziana uccisa nel centro storico di Martina Franca nella notte tra il 6 e il 7 maggio 2013. Domani infatti in Corte D’Assise in 6 risponderanno di concorso in omicidio: Nico D’Aversa, 29 anni, Giuseppe Montanaro, 29 anni, Andrea Luprano, 23 anni, Mattia Cardone, 21 anni, Pierpaolo Calella 30 anni e Francesco Scarcia, 29 anni, tutti di Martina Franca.

A riportare la notizia, l’edizione odierna della Gazzetta del Mezzogiorno. Secondo l’accusa il branco avrebbe causato la morte della Brigida per soffocamento. In particolare il Luprano, entrato nella casa dell’anziana assieme a D’Aversa, sarebbe stato sorpreso dalla reazione della vittima, salendo sul letto e tappandole la bocca. I due avrebbero poi sottratto 150 euro, contando sull’appoggio di Montanaro, Cardone e Calella, rimasti fuori a fare da “pali”, nonchè su Scarcia, intervenuto comunque nell’organizzazione del reato. Montanaro e D’Aversa risponderanno inoltre di una rapina compiuta sempre nel maggio 2013, armati di mazza, con lo scopo di rubare una pistola a salve. Ma non solo. Il duo risponderà inoltre del furto di 200 litri di gasolio perpetrato ai danni degli scuolabus comunali parcheggiati in località Pergolo, e di un altro reato – in concorso con la 21enne Fabiana De Vito -, il tentato furto di effetti personali dallo spogliatoio di un campo di calcetto, datato 24 maggio 2013.

Un altro tentativo di furto viene poi contestato a D’Aversa, Montanaro, Luprano e De Vito. Chiusura col giudizio del 42enne Luigi Luprano, padre di Andrea, che dovrà rispondere dell’incendio di un’auto (di proprietà di una donna di Martina Franca)e di una catasta di legna, caso avvenuto nello scorso ottobre.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?