Annina uccisa per 150 euro. Chiesti fino a 23 anni.

/ Autore:

Cronaca


Era la notte tra il 6 e il 7 maggio del 2013, due anni fa, quando nel centro storico di Martina Franca, in via Manzoni, fu uccisa Marianna Brigida, conosciuti da tutti come Annina. Secondo l’accosa sarebbe stata uccisa nel tentativo di furto, da parte di un gruppo di ragazzi che in quel periodo avrebbe commesso diversi reati a Martina Franca, tra furti e rapine. Annina fu uccisa per 150 euro.

Ieri la requisitoria del pm Remo Epifani è durata più di sei ore, ha ricostruito, secondo il punto di vista della Procura, le malefatte degli accusati. Sono stati chiesti 23 anni e sei mesi di reclusione per Nico D’Aversa, accusato anche di rapina, Giuseppe Montanaro 21 anni di reclusione, per Andrea Luprano 18 anni e sei mesi, per Pierpaolo Calella, Francesco Scarcia e Mattia Cardone 16 anni, 9 mesi chiesti per favoreggiamento a Fabiana De Vito (per il furto di effetti personali da un campo di calcetto) e 2 anni e nove mesi per Luigi Luprano (padre di Andrea) per furto di legna e incendio di un’auto. Ieri è toccato anche alle parti civili nel processo, a cominciare dal Comune di Martina Franca, costituitosi per il furto di 200 litri di gasolio dagli scuolabus parcheggiati al Pergolo.

 

 

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?