Notte della Cultura, sabato 25 luglio incontro con la scienziata Antonella Viola

/ Autore:

Cultura



In attesa di ospitare domenica 26 luglio la seconda tappa della “Notte della cultura”, con tanti eventi legati a letteratura, arte, musica, cinema e teatro, Ostuni si accinge a vivere un momento di grande valenza scientifica: nel chiostro del Palazzo municipale, infatti, sabato 25 luglio alle ore 20,30 la scienziata Antonella Viola parlerà di “alimentazione e salute” nel corso di una conversazione pubblica.

Immunologa e docente all’Università di Padova, la professoressa Viola sarà preceduta dagli interventi di saluto del Sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola, dell’assessore comunale Claudia Trifan e del Direttore Generale di Ubi Banca Carime (main sponsor del progetto) Raffaele Avantaggiato.

La manifestazione di Ostuni si avvale inoltre del sostegno di Emmeauto BMW.

Antonella Viola è un’eccellenza mondiale della scienza: di origini pugliesi, ha ricevuto numerosi riconoscimenti, nazionali ed internazionali, tra cui il premio del Cancer Research Institute di New York, l’EMBO, che viene conferito ogni anno ai migliori giovani scienziati europei, e, in Italia, il Premio Chiara D’Onofrio per la Biologia molecolare.Inoltre è stata premiata lo scorso 20 ottobre dal Consiglio Europeo della Ricerca che le ha assegnato l’ Erc Advanced Grant 2014, una sorta di Oscar della scienza per il suo progetto “Steps”, ovvero un premio di ben 2.500.000 euro. La scienziata  ha poi deciso non solo di ritornare in Italia (dopo un periodo trascorso all’estero) per approfondire i suoi studi con uno staff di ricercatori, ma anche di mettere a disposizione del team di lavoro il finanziamento ottenuto.

Nel 2010 è stata invitata dall’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a tenere una relazione , al “Teatro alla Scala” di Milano in occasione delle celebrazioni ufficiali per la Liberazione del nostro Paese dal nazifascismo, quale eccellenza scientifica italiana ed esempio per i giovani.

 

A margine un articolo pubblicato sul sito dell’Università di Padova, dedicato alla Professoressa Viola


commenti

E tu cosa ne pensi?