Controllo del territorio e prevenzione. Il bilancio dell’estate 2015 della Polizia Locale

/ Autore:

Cronaca, Società



Tre mesi di attività di controllo del territorio, delle attività commerciali e della circolazione stradale. Il Comando di Polizia locale di Martina Franca traccia un bilancio dell’estate 2015 che volge al termine:

Con riferimento all’attività di accertamento e controllo del territorio svolta nell’esercizio delle funzioni annonarie ed a consuntivo delle operazioni condotte, si comunica che sono state registrate 88 ispezioni relative agli esercizi di vicinato (nuove aperture, cessazioni, verifiche locali), ai distributori automatici ed alle imprese artigianali. L’attività, nello specifico, ha comportato l’accertamento di sanzioni amministrative per un ammontare complessivo, in definizione agevolata, pari ad € 12.815,00 e la richiesta di emissione di un’ordinanza di chiusura per un locale adibito a media struttura di vendita nonché la segnalazione alla Prefettura per la sospensione del titolo abilitativo inerente un esercizio di vicinato attrezzato per la vendita esclusiva a mezzo di apparecchi automatici.

Intensa è stata, altresì, l’attività di controllo condotta relativamente al settore dei pubblici esercizi: dalle complessive 8 ispezioni è scaturito l’accertamento di sanzioni amministrative per un ammontare complessivo, in definizione agevolata, pari ad € 7.798,00. Gli accertamenti hanno comportato, altresì, la richiesta di emissione di ordinanze di chiusura per 2 locali nonché la denuncia a piede libero di 2 gestori per il reato di cui all’art. 681 c.p., anche in relazione alla diffusione di musica ad alto volume, con disturbo al riposo delle persone.

Con riferimento alle attività di controllo del commercio itinerante, prescindendo dalle particolari operazioni svolte in occasione delle festività patronali in onore di San Martino, di cui si darà conto in seguito, sono state effettuate 10 ispezioni che hanno condotto all’accertamento di sanzioni per un ammontare complessivo, in definizione agevolata, pari ad € 11.000,00. In un caso particolare si è, altresì, provveduto a sequestrare le attrezzature e la merce al seguito di un itinerante abusivo di mitili bivalvi. Sempre nell’ambito della tutela della libera fruibilità degli spazi ed aree pubbliche di proprietà comunale sono state condotte 22 ispezioni al fine di reprimere le occupazioni di suolo pubblico abusive da parte di gestori di pubblici esercizi ed esercizi di vicinato che hanno comportato l’accertamento di sanzioni amministrative per un ammontare complessivo, in definizione agevolata, pari ad € 2.602,60, con richiesta alle Autorità amministrative competenti di emissione di ordinanze di rimessione in pristino stato delle aree interessate.

Con particolare riferimento alle attività svolte in occasione dei festeggiamenti in onore dei Santi Patroni, come anticipato, oltre alle ordinarie attività di regolazione della corretta occupazione dei posteggi da parte dei commercianti itineranti, sono stati elevati 11 verbali ex art. 180 comma 8 C.d.S. ed un verbale ex art. 214 comma 8 C.d.S.; in merito agli esercenti il commercio itinerante sono stati elevati 11 verbali ex art. 20 C.d.S. nonché 15 verbali di contestazione ex art. 20 del Reg. Comunale n. 65/1994. Sono stati, altresì, contestati, ad avventori presenti nei giorni dei festeggiamenti, 5 verbali ex art. 193 C.d.S. (con contestuali verbali di sequestro dei veicoli), 2 verbali ex art. 180 comma 1 e 7 C.d.S. e 3 verbali ex art. 80 comma 14 C.d.S., il tutto per un accertato complessivo, in definizione agevolata, pari ad € 7.478,80. Nell’ambito dell’area riservata alla fiera, inoltre, un individuo veniva denunciato a piede libero per il reato di cui all’art. 449 c.p.

Inoltre, sono stati redatti 10 verbali di rinvenimento di attrezzature abbandonate lungo i marciapiedi, con contestuale apprensione delle cose che ostruivano la libera circolazione delle persone. Infine, due commercianti itineranti sono stati denunciati a piede libero per i reati di cui agli artt. 633 e 639 bis c.p. per invasione di terreni e fabbricati.


commenti

E tu cosa ne pensi?