Biennale delle Memorie, domani “Patarag” a Palazzo Ducale

/ Autore:

Società



Torna in Puglia Sargis Ghazaryan. L’ambasciatore armeno in Italia sarà, infatti, l’ospite d’onore del concerto «Patarag» che, nel centenario del genocidio degli armeni, il festival Anima Mea – manifestazione diretta da Gioacchino De Padova nell’ambito della rete Orfeo Futuro sostenuta da Puglia Sounds – terrà domenica 27 settembre, alle ore 20.30, nel Palazzo Ducale di Martina Franca per la Biennale delle Memorie. L’occasione segnerà l’incontro tra Ghazaryan e Luciano Violante, presidente della fondazione Italiadecide che organizza la Biennale con l’Istituto della Enciclopedia Italiana.

Dopo aver partecipato al concerto inaugurale di Anima Mea nel villaggio Nor Arax creato a Bari dal poeta in esilio in esilio Hrand Nazariantz, l’ambasciatore armeno parteciperà, dunque, anche al ricordo che Martina Franca dedica alla tragedia del popolo discendente dal leggendario Haik, per una riflessione sul tema dell’accoglienza in piena emergenza profughi.
Tra l’altro, poco si conosce della musica e dei compositori armeni, popolo travagliato e noto alle cronache soprattutto per i tragici eventi del 1915 e la successiva diaspora. Per cui questo concerto dell’Ensemble Florileguim Vocis diretto da Sabino Manzo, rappresenta un’occasione per ascoltare la composizione di un autore vissuto a cavallo tra il XIX ed il XX secolo: Padre Komitas (Komitas Vardapet), un religioso che fu tra l’altro attento studioso del folklore ed è tuttora ricordato come il «Bartòk armeno».

Padre Komitas, che nel 1915 fu inviato in esilio, sopravvisse alla tragedia del suo popolo ma ne fu profondamente segnato e terminò i suoi giorni in una clinica psichiatrica di Parigi. Nella sua produzione musicale è compresa una composizione estremamente suggestiva intitolata, per l’appunto Patarag (Liturgia Divina), per coro a cappella. E la musica di Padre Komitas diventa lo spunto per una riflessione non solo sulla storia armena ma anche per la prima esecuzione assoluta di alcune nuove composizioni di autori  contemporanei, Lanaro, Morra, Da Rold e Durighello, ispirate a quelle tristi vicende. Martedì 29 settembre il concerto verrà proposto a Bari, nell’auditorium Vallisa, sempre con inizio alle ore 20.30.

  • Visita guidata, un’ora prima del concerto, a cura dell’Associazione l’Amoroso.
  • Biglietti 5 euro (ridotti 3 euro).
  • Info 328.6677282 oppure www.animamea.it.
  • Botteghino luogo e giorno del concerto a partire dalle ore 18.30.

commenti

E tu cosa ne pensi?