Venerdì l’inaugurazione della nuova sede della CGIL di Locorotondo

/ Autore:

Politica


Pubblichiamo un comunicato stampa ricevuto dalla CGIL Locorotondo relativo alla inaugurazione della nuova sede della Camera del Lavoro.

Venerdì 30 ottobre alle 17.30 verrà inaugurata alla presenza del Segretario Generale Pino Gesmundo e la rappresentanza di Categorie e Servizi la nuova sede della Camera del Lavoro CGIL di Locorotondo, in Via Abruzzi, 4/6. La nuova struttura incarna un profondo cambiamento nell’approccio che la CGIL Metropolitana e Provinciale di Bari intende adottare sul territorio locorotondese in cui tutti noi cittadini, associazioni, volontari e professionisti operiamo quotidianamente. Al centro di questo nuovo progetto c’è appunto il cittadino e le sue necessità piccole e grandi, cui la CGIL si ripropone di rispondere non solo con novità di spirito ma anche con uno spazio ingrandito e rinnovato, pensato e realizzato per un’offerta ampliata. La nuova sede della Camera del Lavoro CGIL di Locorotondo ambisce anche a diventare uno spazio per occasioni di incontro sociale, politico e culturale, senza preconcetti e completamente aperta al territorio. Oltre ai servizi di assistenza fiscale e previdenziale già erogati in precedenza, la rinnovata Camera del Lavoro di Locorotondo sarà casa per i servizi di assistenza ai migranti, per cittadini diversamente abili, per i giovani in cerca di orientamento al mondo del lavoro e per i consumatori. Fondamentale per questa nuova fase è un rinsaldato legame tra il territorio, di cui la Camera del Lavoro è espressione, e le categorie della Confederazione, che assicureranno la loro presenza costante al servizio dei lavoratori, fuori e dentro i luoghi di lavoro. Rinnovarsi vuol dire affermare ancora una volta il diritto ad avere diritti, assistere universalmente chi ne ha bisogno per realizzare attraverso le necessità di ognuno una società più equa e giusta. La Camera del Lavoro CGIL di Locorotondo riparte per nuovo percorso. Siete tutti invitati a compiere con noi il nuovo primo passo.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?