Notte di San Giovanni 2016, ecco il progetto per accedere a finanziamento regionale

/ Autore:

Cultura, Società



La giunta comunale ha approvato il progetto per la Notte di San Giovanni 2016 e lo ha inviato alla Regione Puglia al fine di ottenere il cofinanziamento dell’attività

L’evento, che nel 2016 celebrerà la 24a edizione, è l’appuntamento ormai consolidato di arte, cultura, musica, teatro, danza, nello scenario naturale delle candide piazzette, viuzze e scalinate del centro storico; è cresciuto negli anni insieme al suo pubblico, sempre più numeroso ed eterogeneo, connotandosi di fatto tra gli eventi più seguiti dell’estate pugliese.

Si celebra nel solstizio d’estate in tutte le culture del Mediterraneo fin dai tempi remotissimi e da oltre 20 anni rappresenta una ricorrenza rituale anche in Puglia dove Ostuni raffigura il luogo “magico” per eccellenza con la sua particolare architettura, il bianco delle abitazioni, la ricchezza del suo patrimonio storico e tradizionale. Ispirata da alcune cerimonie celebrative del passaggio dalla primavera all’estate, la “Notte di San Giovanni” Ostunese è dedicata all’arte, alla musica, al teatro, collocati nei palazzi, nelle corti, nei vicoli, nelle piazze del centro storico, il quartiere “Terra”.

“Per la 24° edizione, nell’anno 2016” spiega l’assessore al Turismo e spettacolo, Niki Maffei “c’è l’idea di riproporre la forte caratterizzazione dell’arte dando spazio alla libertà creativa unitamente ad eventi musicali di spessore oltre che ad attività collaterali di degustazione dei prodotti tipici della nostra terra, per soddisfare le esigenze di un pubblico sempre più numeroso. Da qui l’ambizione di un progetto culturale sempre più qualificato in grado di  diventare anche uno strumento di rilancio  turistico della nostra città, rendendo la rassegna sempre più capace di assorbire tradizioni musicali, culturali e artistiche provenienti da ogni parte del mondo”.

La manifestazione si presenta sempre più curata nei particolari, nel tentativo di recuperare un tessuto storico-popolare di tradizioni attraverso la loro spettacolarizzazione. Con rappresentazioni che ripercorrono i grandi temi della magia, della superstizione e del misterioso, nello scenario incantato del borgo antico.

L’evento prevede una imponente organizzazione per la quale il Comune di Ostuni coinvolge numerose associazioni locali, ovvero utilizza le prestazioni di ditte specializzate nelle produzioni artistiche e dello spettacolo.

Vicoli e piazze del Borgo Medievale di Ostuni saranno la location della rassegna, rappresentando ormai un elemento di caratterizzazione della stessa per le atmosfere magiche e lo scenario particolare che in qualità di paesaggio storico conferiscono alla manifestazione.

“La rassegna” continua Maffei “mettendo in sinergia diverse proposte artistiche, contribuirà anche quest’anno alla promozione dell’immagine dell’area interessata e della regione, integrando più eventi, combinati tra loro di arte, cultura, musica, storia e spettacolo, con un’importante ricaduta per il territorio in termini economici e turistici”.

La “Notte di San Giovanni” apre ufficialmente la programmazione delle manifestazioni dell’estate ostunese; la rassegna alla quale si affiancano mostre, spettacoli, arte di strada, concerti,  viene riproposta nel tempo nella notte tra il 23 ed il 24 giugno, come sempre  ad ingresso libero.

Da evento minore e di nicchia, è andato affermandosi in pochi anni come evento di richiamo e di rilievo nel panorama regionale, essendosi diversificato con una progettualità specifica intenta a creare un luogo in cui documentare l’arte, la storia, la musica e la cultura in tutte le sue forme artistiche.

L’evento coincide con il solstizio d’estate e nella cultura contadina questo era anche il momento per. festeggiare  la fine della mietitura. A sera ci si ritrovava nell’aia per ballare, cantare e festeggiare. A Ostuni si ritrova lo stesso spirito e la stessa  allegria dei tempi passati, passeggiando per il centro storico ed intorno alle mura della città antica, con l’esibizione di gruppi musicali fino all’alba, per produrre un inno particolare alla vita. Ottimi sono i cibi ed i prodotti da degustare come focacce, formaggi, vini locali.

La “Notte di San Giovanni” affonda le sue radici nella note dei tempi, ed è rivolta a chi sceglie Ostuni per una vacanza ricca di cultura, storia, tradizioni, oltre a tanto divertimento.

I ragguardevoli risultati ottenuti in termini di pubblico, con migliaia di presenze di turisti  provenienti da tutto il mondo, danno l’idea dello spessore raggiunto in questi anni dalla manifestazione. L’evento ha contribuito non poco a quella forma di destagionalizzazione turistica alla quale l’Amministrazione Comunale ha sempre guardato con attenzione,  anche grazie alla peculiarità e all’originalità delle proposte, rispetto alle diffuse e a volte estemporanee manifestazioni estive. L’ultima edizione ha riscosso un gran successo di pubblico  catalizzando l’interesse di migliaia di turisti italiani e stranieri presenti su tutto il territorio regionale.


commenti

E tu cosa ne pensi?