Comitato Loco.motiva: tavolo permanente sul turismo

/ Autore:

Politica


 

Pubblichiamo un comunicato ricevuto dal comitato Loco.motiva di Locorotondo relativo all’incontro tenutosi lo scorso venerdì presso i Laboratori Urbani G.Lan  sul tema del turismo nella nostra città.

Locorotondo paese turistico o terra di mezzo? Con questa domanda il comitato Loco.Motiva ha inaugurato, venerdì 13 novembre, “Loco.Meet”, un ciclo di incontri con la cittadinanza dai quali far emergere proposte di sviluppo territoriale concrete e condivise.

Il comitato Loco.Motiva infatti, come già anticipato durante la propria presentazione, nasce con l’idea di favorire la partecipazione attiva dei cittadini alla politica, dando ai locorotondesi un metodo concreto di lavoro, che miscela incontri tematici ad un’innovativa piattaforma web di e-democracy.

Si è deciso di inaugurare questo ciclo di incontri con il tema del TURISMO. Da qualche anno infatti Locorotondo sta vivendo una vera e propria transizione da paese a vocazione agricola a turistica, anche se oggi non si può parlare di un vero posizionamento sul mercato.

La proposta provocatoria del comitato è stata quella di verificare, dati alla mano, quali fondi si sarebbero potuti recuperare dall’attivazione dell’ imposta di soggiorno e in che modo si sarebbero eventualmente potuti impiegare visto quanto previsto dal decreto ministeriale.

A questo proposito è stato presentato uno studio di Puglia Promozione dal quale si evince chiaramente come Locorotondo, in quanto a preferenze turistiche riferibili ai pernottamenti, sia il fanalino di coda dell’intera Valle d’Itria, nonostante sia oggettivo l’enorme potenziale posseduto.

Sulla base di questi dati e da quelli emersi da altri studi condotti in questi anni sul territorio è stata avviata un’analisi dei problemi strutturali che caratterizzano il settore turistico  locorotondese.

Il dibattito ha fatto emergere diversi elementi, tra i primi, la carenza organizzativa da parte delle strutture ricettive e soprattutto la mancanza di una visione dell’offerta turistica che rispettasse i trend attuali di mercato.

Quindi si è parlato sia dell’entità reale dell’offerta turistica presente, sia della qualità del servizio che secondo i presenti manca di una visione che ne rifletta sostenibilità ambientale ed economica. Alcuni partecipanti hanno inoltre sottolineato quanto sia cruciale l’aspetto della mobilità e di come sarebbe necessario favorirne una lenta, che permetterebbe in questo modo al turista, e allo stesso cittadino, di godere a pieno delle ricchezze paesaggistiche di un territorio come quello locorotondese. Altro spunto interessante è emerso dall’intervento dell’assessore al turismo del comune di Locorotondo Claudio Antonelli,  che ha sottolineato come in termini di sviluppo turistico sia necessario combinare alla regia del pubblico un’iniziativa consapevole del privato.

Nella seconda fase dell’incontro si è deciso di classificare per rilevanza i problemi strutturali del turismo locorotondese invitando i partecipanti ed il resto della cittadinanza(attraverso il web) a proporre nei prossimi giorni con l’ausilio di Locomotiva2015.org idee e progettualità concrete per il superamento dei suddetti problemi.

Un tavolo permanete dunque quello attivato da Loco.Motiva, aperto a tutti coloro volessero con la propria esperienza, le proprie competenze ed il proprio ruolo contribuire concretamente al cambiamento del proprio paese.

Non aspettare che siano le cose a cambiare, #cambiale.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?


Commenti