“Racconti diVini”: domenica 20 dicembre la premiazione del concorso letterario

/ Autore:

Cultura


Si svolgerà il prossimo 20 dicembre la premiazione del concorso Racconti diVini ideato da Giacovelli Editore di Locorotondo.

Nei mesi scorsi gli amanti della letteratura e del vino si sono battuti per primeggiare in occasione della prima edizione del concorso letterario e che tra qualche giorno vedrà salire sul palco dell’Auditorium dell’Istituto “Basile-Caramia-Gigante” i primi tre classificati: Lorenzo Nucci di Martina Franca, Antonio Vincenzo Maria Quero di Foggia e Dino Cassone di Fasano, elencati proprio in ordine di arrivo al traguardo.

53 le opere pervenute un po’ da tutta la penisola, con prevalenza, naturalmente, dal territorio della Valle d’Itria. Tra queste, 19 sono giunte in finale e con un punteggio assegnato allo stile, alla proprietà di linguaggio e attinenza al tema, il vino appunto, è stata redatta dalla commissione esaminatrice la classifica definitiva delle 10 opere che sono finite nella raccolta oggi in vendita.

Tutti i membri della giuria, presieduta dall’editore Paolo Giacovelli e composta anche dall’assessore alle politiche agricole del Comune di Locorotondo, Angelo Palmisano, dal referente dell’azienda vinicola Cardone Vini Classici, Marianna Cardone, dal referente dell’azienda vinicola I Pastini, Donato Carparelli e dal giornalista, sommelier e degustatore ufficiale AIS, Daniele Apruzzese, nel corso della serata, spenderanno qualche parola proprio in ordine al lavoro svolto e alle opere lette.

Ai primi tre classificati, infine, saranno assegnati i premi rispettivamente da 300,00 Euro, 200,00 Euro e 100,00 Euro, che saranno ritirati personalmente dai vincitori.

Il fine principale di tale iniziativa è stato quello di riportare in auge lo speciale rapporto fra Locorotondo e il vino bianco doc. Da qui l’idea del gruppo di lavoro, sposata da amministrazione ed aziende vitivinicole, di promuovere il nome del paese abbinando i racconti ai vini dei produttori locali.

Resta aggiornato sulle notizie in Valle d'Itria


E tu cosa ne pensi?