Ospedale di Martina Franca. Non fanno il cesareo e causano danni permanenti al bimbo. Due medici condannati

Due ginecologi condannati rispettivamente a due anni e un anno e due mesi di reclusione per un parto avvenuto il giorno di pasquetta 2012 all’ospedale di Martina Franca, durante il quale non hanno voluto praticare il cesareo, nonostante ben tre tracciati mostravano chiari segni di sofferenza del feto. Secondo quanto rilevato dalla consulenza di cui si è avvalso il pm Lanfranco Marazia, i tracciati svolti mostravano chiari segni di sofferenza fetale, il terzo, fatto alle 13.00, addirittura “patologico”. I bimbo è rimasto per diversi istanti senza ossigeno e questo gli ha causato una tetraparesi spastica. Una mancanza grave, tanto da indurre la Procura di Taranto a condannare i due medici, il ginecologo della mamma del bimbo e il medico di guardia, o alla pena detentiva o al risarcimento, fissato per 250.000 euro.

La donna, di Taranto, si era ricoverata in ospedale il giorno di Pasqua, quando le si sono rotte le acque. Il suo ginecologo ha però raggiunto l’ospedale solo alle 11.30 del mattino successivo.

La coppia ha deciso di denunciare i medici e costituirsi parte civile nel processo, seguita dall’avvocato Giuseppe Sernia.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.