Ostuni Green Riot torna all’attacco, addobbato per Natale l’albero di Viale Oronzo Quaranta

/ Autore:

Società



Siamo tornati. A distanza di 20 settimane dall’ultima installazione artistica, l’albero in Viale Oronzo Quaranta a ridosso delle mura della nostra città, Ostuni Green Riot torna a farsi vedere e sentire con un nuovo “attacco”. In occasione del Natale ormai alle porte, abbiamo abbellito ancor di più, se ce ne fosse bisogno, proprio il nostro albero artificiale, creato la scorsa estate recuperando il legname abbandonato dal mare sulle nostre spiagge.

Lo abbiamo abbellito come si abbellisce un classico albero di Natale, ma con addobbi che rispecchiano quanto da noi già fatto nei mesi scorsi: e quindi pupazzi e palline fatte recuperando tappi di sughero che sarebbero altrimenti finiti in qualche discarica, o peggio ad inquinare le strade, come purtroppo da cattive abitudini ostunesi.

Ma quest’albero “natalizio” non è la sola novità che abbiamo da comunicare: contestualmente al nostro profilo Instagram, infatti, abbiamo pensato di aprirci ancor di più ai social network sbarcando sul social per eccellenza, quello blu. Perciò da quest’oggi potete, se volete, diventare nostri amici su Facebook, per sapere di più sui nostri attacchi e sulle nostre battaglie. Dopo aver riscontrato scarsa collaborazione da parte dei cittadini su ciò che ci sta a cuore, cioè la bellezza della nostra città e sulla cura degli spazi comuni, abbiamo preso questa decisione per ampliare il nostro raggio d’azione dal punto di vista della visibilità.

Nella speranza, speriamo non vana, che non si ripetano più orrori come quello della scorsa estate, quando i nostri vasi e la fontana vicini al parcheggio del Vitale sono stati svuotati di piante e fiori (del valore di 2 euro) e trasformati in cestini della spazzatura.

Per ogni segnalazione dunque vi chiediamo di utilizzare il nostro indirizzo email ostunigreenriot@gmail.com, il profilo Instagram @ostunigreenriot, e il nostro nuovo profilo Facebook Ostuni Green Riot.


commenti

E tu cosa ne pensi?