Poesia di Natale di Martina Franca

/ Autore:

Editoriali, Società



Jentre ‘a notte frèdde e scòure,
u Bummenidde dorme all’anòure.
A mamma sawe stanche e sante
a ninna nanne dolce le cante.
San Gesèppe vècchie e bejète
ciò ca putève tutte l’ha dète
nòuggue invèce ca longhe a sapeme
sèmpe desceme e mè nudde fasceme
L’Angiule ‘ncile vòle e cante:
“Stateve cuntinte! Basta pu chiante!
Na fascete chiù a wèrre!
Stateve ‘mpèsce sòpe alla tèrre!”
Bumminidde, treminte, treminte
quanta gieuvene stòne all’abbinte;
Live ‘na còse a ce tène tante,
dalle a ce tène a vèntre vacante.
A ce ne gùverne dalle nu sguarde
peccè chedde sò tutte busciarde.
Fa ca na succerne cchiù cose brutte,
pinze pe nòggue e pinze pe tùtte!

Questa poesia si chiama “Santa Notte ’88” ed è stata composta da Oronzo Carbotti. E’ stata condivisa da Nico Blasi, direttore di Umanesimo della Pietra durante un intervento a Manufacta. A noi della redazione è piaciuta tanto e ve la proponiamo come il nostro augurio di Natale.


commenti

E tu cosa ne pensi?